QR code per la pagina originale

Pokémon GO: la polizia lo sfrutta in modo creativo

La mania di Pokémon GO conquista anche la polizia statunitense, pronta a sfruttare il gioco in modo ironico nel tentativo di catturare malviventi.

,

Non trova freno la mania del momento, quella relativa alla cattura di animaletti in pixel tramite la piattaforma di Pokémon GO. Il gioco è di giorno in giorno sempre più popolare, tanto che si stima siano oltre 75 i milioni di download effettuati, e gli appassionati si radunano in ogni parte del mondo. Vi è anche chi, tuttavia, ha deciso di ricorrere all’applicazione per degli scopi del tutto innovativi, così come accaduto per una dipartimento di polizia statunitense. Seppur con un intento ironico, gli agenti stanno cercando di attirare ricercati presso la centrale, approfittando di un Pokémon per un pronto arresto.

Il tutto avviene presso il dipartimento di polizia di Smithfield, in Virginia, dove gli agenti si sono affidati ai social network per un particolare annuncio. I poliziotti, infatti, hanno svelato la presenza di un rarissimo Pokémon all’interno della loro centrale, centrale che sarà a disposizione di alcuni “cittadini scelti casualmente” per tentarne la cattura. Quanto basta per far drizzare le antenne ai giocatori sfegatati di Pokémon GO.

Naturalmente, si tratta di una condivisione ironica, e il rarissimo Ditto non potrà essere catturato da chi ne farà richiesta. I cittadini “eletti” per questa esclusiva possibilità, al momento otto, sono infatti tutti ricercati per reati minori. Difficile si presentino per una denuncia spontanea, di conseguenza, ma nulla è mai detto qualora fossero anche dei giocatori di Pokémon particolarmente avidi di conquiste. Non una possibilità così rara, tutto sommato, considerato come in quel di Detroit un uomo, già noto e ricercato alle forze dell’ordine, si sia avvicinato con la sua bicicletta proprio nei pressi della stazione di polizia, per la cattura di un raro animaletto in pixel. Immediatamente riconosciuto dagli agenti, è stato altrettanto prontamente arrestato.

Il sergente Bryan Miller, amministratore del dipartimento in questione, ha spiegato come l’iniziativa nasca naturalmente con uno scopo ironico. Inoltre, nessun poliziotto si sarebbe atteso una rilevanza mediatica così ampia, tanto che la notizia è divenuta virale in pochissime ore in tutto il mondo.

Galleria di immagini: Pokémon Go: le foto

Commenta e partecipa alle discussioni