QR code per la pagina originale

Mozilla Firefox 48, prima versione multi-processo

Firefox 48 è la prima versione del browser che esegue processi separati per interfaccia e contenuti, ma la tecnologia è stata attivata per pochi utenti.

,

Mozilla ha annunciato la disponibilità di Firefox 48 per Windows, Mac, Linux e Android. La nuova versione desktop del browser è la prima ad offrire il supporto per processi separati. La tecnologia, nota con il nome Electrolysis (e10s), permette di separare il processo dell’interfaccia utente da quello dei contenuti. La sua implementazione ha richiesto oltre tre anni di sviluppo, ma non è ancora completata. All’inizio solo l’1% degli utenti (quelli che non usano add-on) beneficeranno dei vantaggi di Electrolysis.

L’architettura multi-processo consente di migliorare l’esperienza di navigazione, in quanto gli elementi della UI (pulsanti, menu e schede) non rimarranno bloccati se la pagina web consuma troppe risorse (CPU e memoria). Gli utenti non dovrebbero più vedere messaggi del tipo “Firefox non risponde” a causa di uno script. Per conoscere se la tecnologia è attiva, basta digitare about:config nella barra degli indirizzi e individuare la voce “Multiprocess Windows”. Electrolysis verrà attivata anche per gli utenti che usano poche estensioni a partire da Firefox 49, mentre in Firefox 50 verrà estesa a tutti gli add-on compatibili. Entro metà 2017 è prevista la separazione completa tra processo dell’interfaccia e i processi dei contenuti.

Un’altra importante novità inclusa in Firefox 48 riguarda la sicurezza. Mozilla ha aggiunto la protezione per altre due categorie di download (software potenzialmente indesiderato e download non comuni), in seguito all’espansione del servizio Google Safe Browsing. Sono state quindi aggiornate le icone, le finestre di dialogo e le voci nella scheda Sicurezza delle Opzioni. Inoltre, dopo aver installato Firefox 48, gli add-on non firmati verranno disattivati.

Mozilla ha infine migliorato la Awesome Bar per fornire maggiori suggerimenti di ricerca, utilizzando schede aperte e segnalibri, e ha ridisegnato la sezione Esplora delle estensioni.

Fonte: Mozilla • Via: Mozilla • Immagine: Engadget • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni