QR code per la pagina originale

Huawei Nova Plus: le prime impressioni

Nova e Nova Plus: sono queste le nuove frecce all'arco di Huawei per colpire la fascia media del mercato a partire dal mese di ottobre.

,

È iniziato l’IFA 2016 e Huawei decide di contrassegnare la sua presenza nella più importante fiera di elettronica in Europa lanciando una nuova serie di smartphone medio-gamma. Il tutto in collaborazione con HARMAN International, per offrire un’esperienza audio senza precedenti, e due nuove colorazioni per Huawei P9, ora disponibile anche in rosso e blu.

Nova e Nova Plus sono due smartphone che riprendono rispettivamente le linee di Nexus 6P e Mate 7, ma acquistano un design curvo e una fotocamera migliorata per immagini più nitide e elevate prestazioni. Entrambi i dispositivi sono caratterizzati da un pannello 2.5 con vetro curvo Full HD da 5” e 5.5”, 3 GB di RAM e 32 GB di memoria di archiviazione interna con chip Snapdragon 625 octa-core 2.0 GHz. Il focus su cui Huawei punta è chiaramente il reparto multimediale: Nova e Nova Plus hanno rispettivamente una fotocamera posteriore con sensore da 12 e 16 MP con pixel grandi 1.25 e 1.12 micrometri, con interessanti dispositivi per il miglioramento durante lo scatto di una foto o la registrazione di un video. Previsti inoltre stabilizzazione ottica a 3 assi con tecnologia anti-shaking, migliore definizione e contrasto in condizioni di scarsa luminosità, nonché risoluzione video 4K.

Il sensore anteriore è invece da 8 MP, mentre lo schermo prevede tecnologia Eye protection (un miglior filtro della luce blu), per garantire un’ottima esperienza di lettura in ogni situazione. La serie Nova è stata infatti pensata per coloro che scattano centinaia di foto, selfie: a presentare le capacità della fotocamera è stata infatti Xenia Tchoumi, fashion blogger con oltre 6 milioni di follower su Instagram, che ha approfondito la funzione Beauty Maker 2.0, con controlli automatici del colore, luminosità e contrasto che “simulano” trucco, abbelliscono il viso e migliorano la definizione del soggetto.

Huawei Nova

Huawei Nova

Alla prima accensione di Nova Plus si nota una certa leggerezza: il peso è distribuito ottimamente. La prima funzione che si ha il modo di notare è il nuovo sensore per il riconoscimento per le impronte digitali, che Huawei afferma essere in grado di effettuare una scansione 3D del dito: è velocissimo, capace di sbloccare il dispositivo in circa 0.5 secondi, anche a schermo spento.

Il sistema operativo, Android 6.0 con EMUI 4.1, è reattivo e fluido senza nessun rallentamento. L’autonomia, con una batteria da 3340 mAh e tecnologia Smart Power 4.0, dovrebbe assicurare fino a 2 giorni di utilizzo: Huawei afferma di aver lavorato molto sull’ottimizzazione dei processi alla base della cattura delle foto e della registrazione dei video per ridurre al minimo i consumi.

Huawei Nova e Nova Plus arriveranno sul mercato italiano a fine Ottobre, ad un prezzo rispettivamente di 399€ e 429€ nelle colorazioni Prestige Gold, Mystic Silver e Titanium Grey.

Intervista a Ettore Patriarca, Marketing Director Huawei Italia e Svizzera

Un nuovo annuncio da parte di Huawei era nell’aria, ma non si aspettavano così tante novità. Chi si ferma è perduto?

Assolutamente! Qui all’IFA presentiamo tanti nuovi prodotti: Nova, Nova Plus, il tablet M3 da 8,4 pollici e le due nuove colorazioni del P9. Ma la star dell’evento è sicuramente l’inedita gamma Nova, che si declina in due versioni, Nova e Nova Plus, due prodotti di eccellenza dal punto di vista del design e delle performance, nonché per quanto riguarda l’apparato fotografico come già accade per la nostra linea P. Entrambi hanno un telaio realizzato interamente in metallo con taglio al diamante e una curvatura che prosegue anche sul display grazie al vetro 2.5D. Ed entrambi offrono una fotocamera frontale da 8 megapixel, mentre quella posteriore è da 16 megapixel sul modello Plus e 12 megapixel sul Nova in edizione standard. Le batterie sono superiori a 3.000 mAh: 3.020 il Nova e 3.340 il Nova Plus. Il processore è un octa core Snapdragon 625.

Dunque un occhio anche al risparmio energetico?

Esatto. Questo è molto importante. Oltre al design, per i Nova sono molto importanti le performance. Come visto anche con P9 e P9 Plus, cerchiamo di assicurare all’utente finale una lunga durata della batteria. Questo vale anche per il Mate 8, Nova e Nova Plus.

Rispetto al P9 nelle sue declinazioni, come si posizionano questi prodotti sul mercato? A quale fascia sono indirizzati?

Hanno prezzi molto affini in termini di alternative, e molto competitivi, rispettivamente 399 e 429 euro [NDR: in commercio a fine ottobre]. Il Nova Plus è dual SIM mentre il Nova è mono. Ovviamente sono dedicati a una clientela che cerca prodotti dal prezzo più accessibile rispetto a P9 e P9 Plus, ma eccellenti dal punto di vista del design e della qualità fotografica, che è la funzionalità più utilizzata durante le nostre giornate. Dunque: design, alto livello della qualità costruttiva, fotografia, performance e durata della batteria. Una proposta quindi alternativa alla serie P o alla serie Y, con caratteristiche essenziali a coloro che, per lavoro o per esigenze personali, hanno bisogno di prestazioni e sono attenti all’aspetto estetico.

Per chiudere velocemente, una battuta: in questo momento di costante crescita per Huawei, si può dire che il principale concorrente è Honor?

Honor è una nostra creatura, che appartiene all’ecosistema Huawei. Da Huawei ha ereditato il DNA che lo porta a lanciare una sfida con ogni nuovo prodotto, tanto da arrivare a volte a costituire un benchmark, un punto di riferimento rilevante anche per quello che facciamo noi. È come avere in famiglia un fratello o un cugino che va vale tanto: è vero che crea competitività, ma è comunque un orgoglio che tutti vorremmo avere.

[Intervista a cura di Lorenzo Ermigiotti]

Commenta e partecipa alle discussioni