QR code per la pagina originale

Sony Xperia XZ e X compact: prime impressioni

Prime impressioni sui nuovi smartphone Sony Xperia che il gruppo ha presentato all'IFA 2016: il laser consente immagini con luce e colori ben bilanciati.

,

In occasione di IFA 2016, anche Sony ha approfittato del palcoscenico di Berlino per divulgare i suoi ultimi aggiornamenti su progetti e prodotti. Oltre a una carrellata di notizie sui concept in via di realizzazione, sul reparto audio e su PlayStation VR, c’è stato spazio anche per la presentazione di due nuovi smartphone: Xperia XZ, il nuovo top di gamma della casa giapponese, e X compact, il fratello minore di Xperia X.

Xperia X compact, il medio gamma che eredita il form factor e l’esperienza fotografica di X, ha un display più contenuto (4,6″) La batteria da 2700 mAh, in combinazione con la tecnologia Dose di Android Marshmallow e con un nuovo sistema di monitoraggio e adeguamento dei consumi sviluppato da Sony (Stamina), garantisce l’integrità della batteria fino a 2 anni dalla prima accensione. Il tutto avviene grazie ad un sistema di controllo della carica durante la notte – che non spinge il completamento della ricarica fra il 99 e il 100%, ma blocca la carica all’incirca 90 minuti prima dello scollegamento previsto, per poi completarla più lentamente negli ultimi minuti, assicurando una maggiore stabilità delle celle agli ioni di litio. Anche Xperia XZ gode di queste tecnologie software, come anche entrambi condividono il complesso ma efficace sensore da 23 MP con tecnologia Tri-Sensor Image Processing per l’auto-regolazione delle immagini durante lo scatto.

Il sistema in questione fa uso di un laser, un sensore RGBC – IR, e un flash LED. Quando si scatta una foto, viene emesso un raggio laser da un foro per calcolare la distanza dal soggetto in primo piano: il laser ritorna nel foro superiore, per registrare i dati sulla scena; a questo punto il sensore RGBC – IR (che sta per Reed Green Blue Clear, Infrared) utilizza le informazioni del laser e del sensore che ha catturato luce per identificare i colori presenti sulla scena, attivando un algoritmo di auto-regolazione del bilanciamento del bianco sulle singole tonalità di colore. Il flash LED entra in gioco in condizioni di luminosità alterata, non necessariamente di bassa luminosità, per regolare la luminosità sulla scena. Questo complesso meccanismo si traduce semplicemente nella migliore resa possibile in qualsiasi condizione, in una modalità che Sony chiama “Automatica superiore”. Inoltre, è stato anche diminuito il tempo di scatto fra schermo e spento e cattura foto, che ora può raggiungere i 0.6 secondi. In aggiunta, XZ è il primo smartphone al mondo ad offrire una stabilizzazione ottica a 5 assi.

A completare la scheda sono la porta USB Type-C, schermo Full HD e 3 di RAM. Xperia XZ ha poi un chip Snapdragon 820 e fotocamera anteriore da 13 MP, mentre X compact ha un chip Snapdragon 620 e fotocamera anteriore da 8 MP.

Sony Xperia X compact sarà disponibile al pubblico nelle tre colorazioni White, Universe Black e Misty Blue nelle prossime settimane, mentre Xperia XZ sarà disponibile – nelle colorazioni Mineral Black, Platinum, Forest Blue e Deep Pink a partire da Ottobre.

Notizie su: , ,
Commenta e partecipa alle discussioni