QR code per la pagina originale

IFA 2016: Moto Z Play e Hasselblad True Zoom

Motorola ha annunciato il Moto Z Play con schermo full HD da 5,5 pollici e l'accessorio Hasselblad True Zoom che migliora le funzionalità fotografiche.

,

Motorola ha presentato all’IFA 2016 di Berlino il terzo modello della serie Moto Z. Il Moto Z Play possiede caratteristiche inferiori ai precedenti Moto Z e Moto Z Force, ma eredita lo stesso design modulare e gli stessi materiali. Lo smartphone sarà disponibile in Europa nei prossimi giorni, insieme al nuovo Hasselblad True Zoom, un Moto Mod dedicato ai fotografi che permette di trasformare i tre Moto Z in fotocamere professionali.

Moto Z Play

Il Moto Z Play possiede un telaio in alluminio (frame) e vetro (fronte e retro), quindi il rischio di danni in caso di cadute è molto alto (la tecnologia ShatterShield è un’esclusiva del Moto Z Force). La dotazione hardware comprende uno schermo Super AMOLED da 5,5 pollici con risoluzione full HD (1920×1080 pixel), un processore octa core Snapdragon 625 a 2 GHz, 3 GB di RAM e 32 GB di memoria flash, espandibili con schede microSD. Per la fotocamera posteriore è stato scelto un sensore da 16 megapixel con apertura f/2.0, doppio flash LED, autofocus laser e PDAF, mentre quella frontale ha una risoluzione di 5 megapixel con apertura f/2.2, lenti grandangolari e flash LED.

La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11a/b/g/n dual band, Bluetooth 4.0, GPS, NFC e LTE. Sono presenti anche un lettore di impronte digitali e la porta USB Type-C. La batteria ha una capacità di 3.510 mAh e supporta la tecnologia di ricarica rapida TurboPower (9 ore di autonomia in 15 minuti). Grazie all’efficienza del processore e alla risoluzione full HD, lo smartphone può essere utilizzato per oltre due giorni (50 ore). Il sistema operativo è Android 6.0.1 Marshmallow. Il prezzo è 499 euro.

Galleria di immagini: Motorola Moto Z Play, immagini

Hasselblad True Zoom

Sul retro del Moto Z Play ci sono 16 pin magnetici per il collegamento dei Moto Mods, accessori che aggiungono specifiche funzionalità allo smartphone. Oltre ai tre moduli già in vendita (batteria, altoparlanti e proiettore), nei prossimi giorni sarà possibile acquistare il nuovo Hasselblad True Zoom che trasforma i Moto Z in fotocamere professionali da 12 megapixel con zoom ottico 10X e flash Xenon.

Il modulo permette di scattare le foto in formato RAW, effettuare l’upload automatico sul cloud (storage illimitato gratuito su Google Foto fino al 31 marzo 2017) e modificare le immagini con il software Hasselblad Phocus. Il vantaggio principale è ovviamente quello di utilizzare pulsanti fisici per lo scatto e lo zoom. Il prezzo del Moto Mods è 299 euro.

Intervista ad Alessandra Petti

Per saperne e capirne un po’ di più sui Mods e sulle strategie Lenovo nel comparto mobile, segue l’intervista ad Alessandra Petti, Trade Marketing Manager del Mobile Business Group di Lenovo.

Se all’indomani dell’acquisizione di Motorola da parte di Lenovo, il marchio storico rimaneva a se stante, ora sembra proprio che abbiate scelto di includerlo maggiormente all’interno del vostro ecosistema. In termini di strategie e distribuzione sul mercato, in particolare quello italiano, cosa cambia?

In questo momento abbiamo totalmente integrato tutto ciò che è Motorola, è vero. La fase di integrazione è pressoché finita e tutti i prodotti Moto, così come quelli mobile di Lenovo, sono tutti sotto il cappello della divisione Lenovo MBG. Ma entrambe le linee di prodotto vengono proposte sul mercato: c’è già il modello K5, ma anche i nuovi Moto G4 e Moto G4 Plus. e in autunno arriveranno anche tutti i nuovi device: Moto Z, i Moto Mods, Lenovo K6, Lenovo P2, ecc. e tutti i prodotti verranno trattati allo stesso modo, sia in Europa che in Italia. L’unica distinzione sarà nel ranging: ad esempio, il Moto E3 per il momento non arriverà in Italia. Detto questo, tutti i prodotti che arriveranno in Italia saranno gestiti dalla stessa azienda, ovvero il gruppo Lenovo MBG.

Quindi unione d’intenti, ok. Ma almeno i target saranno differenti per i due brand?

Il target viene definito dal prodotto stesso. I Moto saranno rivolti a un target molto attento all’innovazione tecnologica di alto livello, come abbiamo mostrato con Moto Z e i Moto Mods, mentre la linea Lenovo fa riferimento ai più giovani, attenti alle performance e alla sostanza del prodotto in termini hard. Possiamo parlare di tech innovators per quanto riguarda Moto e pioneers per Lenovo, questi ultimi con una fascia di età un po’ più bassa: 8-25 per Lenovo e 24-35 per Moto.

Entrando nello specifico di IFA 2016, le vere novità Lenovo sono relative ai Moto, soprattutto con i Mods…

IFA è stato il palcoscenico di Moto Z Play, una versione un po’ più economica del Moto Z lanciato al TechWorld, ma la vera spinta innovativa sul comparto smartphone arriva con i Mods: il modulo fotografico Hasselblad con zoom, in particolare, che si aggiunge a quello già in commercio con la cassa audio JBL e alla batteria aggiuntiva progettata in collaborazione con Incipio e al proiettore targato Moto e alle cover standard. I Mods lanciano un vero e proprio ecosistema, nuovo e totalmente aperto alle possibilità di sviluppo, grazie a un Developer Kit acquistabile sul nostro sito a 125 dollari, che permette di ottenere i sistemi di certificazione necessari a poter dare sfogo alla fantasia e all’innovazione. C’è persino un concorso in fase di lancio, una cosa unica nel suo genere, per la ricerca del miglior prototipo, con in palio un milione di dollari. Inoltre i Mods avranno una compatibilità triennale fra telefoni e moduli sia per questa famiglia di prodotti sia per le prossime due.

Uno dei Mods più interessanti è certamente quello nato dalla partnership con Hasselblad, un marchio professionale che per la prima volta verrà accostato al mondo consumer. Come è nata questa sinergia?

Con il desiderio di offrire un’esperienza fotografica di alto livello al consumatore finale. Abbiamo assistito di recente all’inserimento di sempre più funzionalità all’interno dei telefoni, ma abbiamo capito che oltre una determinata soglia non si poteva andare. Oggi, la fotografia è molto importante per gli utenti, specie per i social, dunque la possibilità di avere immagini in formato RAW completamente editabile tramite software sviluppati da Hasselblad prima della condivisione è un valore aggiunto. Basta collegare il modulo e compaiono automaticamente sull’interfaccia dello smartphone le impostazioni relative alla fotocamera. Eppure tutto questo rimane accessibile a chiunque grazie a un prezzo di 259 euro [NDR: 99 euro il proiettore, 69 euro la batteria aggiuntiva, 89 euro la cassa JBL, 699 euro il Moto Z e 499 il Moto Z Play].

Ma parlando di un Mods importante come quello fotografico, non vorrei distogliere l’attenzione dagli altri. Per esempio, il proiettore che molti pensano tipicamente rivolto a un mercato business, torna utile anche per la condivisione dei contenuti multimediali, come già visto per il proiettore dello Yoga Tab 3 Pro. Funziona non solo per i filmati, ma anche con qualsiasi altra applicazione, ad esempio con quelle per le videochiamate. Insomma, il target è vario, e soprattutto testimonia l’avanguardia innovativa di Lenovo.

[intervista a cura di Lorenzo Ermigiotti]

Commenta e partecipa alle discussioni