QR code per la pagina originale

Benchmark: iPhone 7 forse supera il Galaxy Note 7

Appaiono online i primi benchmark di iPhone 7: nella performance single-core batte tutte le versioni del Note 7, mentre di poco inferiore è la multi-core.

,

A poco più di 24 ore dalla presentazione dei nuovi iPhone 7, attesa per domani alle 19 del fuso italiano, spunta oggi online un’interessante indiscrezione sui dispositivi. Quella relativa ai benchmark, ovvero ai punteggi di prestazione, pronti a dimostrare un grande incremento rispetto ai precedenti iPhone 6S. I dati in questione sono apparsi su Geekbench, scovati da Phone Arena.

Nella giornata di ieri, è emerso come i nuovi iPhone 7 potranno forse pregiarsi di un processore A10 da 2.4 GHz, abbinato a circa 3 GB di RAM, a seconda della versione. E oggi appaiono online su Geekbench i primi dati sulle prestazioni, pronti a svelare un notevole incremento rispetto alla generazione degli iPhone 6S.

Il dispositivo apparso sul noto portale di benchmark è denominato iPhone 9.3 e, almeno in linea teorica, questo codice potrebbe rappresentare la versione da 5.5 pollici, quella di iPhone 7 Plus. Il device raggiunge un punteggio a singolo core di 3.379: se le rilevazioni fossero vere, il nuovo iPhone supererebbe senza fatica il Galaxy Note 7 di Samsung, fermo a 2.067 nella versione Exynos 8890. Anche la performance multi-core è impressionante, poiché pari a 5.495, poco meno dei 6.000 raggiungi sempre dal Note 7. Va però considerato come iPhone 7 raggiunga questi traguardi con un processore dual-core, segno della perfetta integrazione tra hardware e software, mentre il competitor sudcoreano opera con otto core. Se si considera, invece, il Galaxy Note 7 nella sua edizione Snapdragon 820, il confronto è addirittura più appassionante: questo processore, infatti, raggiunge una performance single-core di 1.826 e multicore di 5.511. In linea generale, per l’utilizzo di tutti i giorni i nuovi iPhone 7 dovrebbero quindi risultare più veloci, perché la potenza multi-core è di solito riservata a task molto impegnativi, quali i giochi di ultima generazione.

Ovviamente, è necessario sottolineare come queste siano indiscrezioni della vigilia, tant’è che al momento non vi sono precise conferme sull’eventualità questi benchmark siano pienamente veritieri. Non resta che attendere domani, per scoprire tutte le novità di Apple.

Commenta e partecipa alle discussioni