QR code per la pagina originale

Facebook celebra Star Trek con speciali reazioni

Per festeggiare i 50 anni di Star Trek, Facebook ha deciso di personalizzare le reazioni con i personaggi della saga di fantascienza.

,

Facebook ha deciso di celebrare e festeggiare la ricorrenza dei 50 anni della saga Star Trek in una maniera molto buffa, realizzando e rendendo disponibili per un breve periodo delle reazioni personalizzate che richiamano alcuni dei più famosi aspetti della saga di fantascienza. Come evidenziato da Lindsey Shepard dello staff di Facebook Messenger, la società ha iniziato ad esplorare diverse possibilità per celebrare il noto brand di fantascienza.

Il social network potrebbe offrire la possibilità agli utenti di utilizzare delle immagini di profilo provvisorie che richiamano Star Trek, come già fatto per altri eventi speciali, ma questa volta Facebook ha deciso di offrire qualcosa in più e di personalizzare le reazioni a disposizione degli iscritti. Le reazioni personalizzate dedicate a Star Trek sono davvero particolari. La reazione con il pollice verso l’alto, il vecchio “Mi Piace”, presenta, adesso, uno sfondo stellato che richiama la galassia. La reazione “Love” mostra il classico saluto vulcaniano, mentre le reazioni “Ahah”, “Wow”, Sigh” e “Grr” richiamano, nell’ordine, “Kirk”, “Spock”, “Geordi” e un “Klingon”.

Facebook celebra Star Trek con speciali reazioni

Facebook celebra Star Trek con speciali reazioni (immagine: Lindsey Shepard).

Le reazioni personalizzate dedicate alla ricorrenza di Star Trek saranno disponibili per un tempo limitato ma solamente, purtroppo, agli utenti del social network che abitano in America ed in Canada.

Non è la prima volta che Facebook gioca con le reazioni per celebrare eventi speciali. La stessa cosa fu fatta, per esempio, per la ricorrenza della festa della mamma. Curiosamente, prima di cambiare il pulsante “Mi Piace“, la società ha impiegato molti anni ed invece, adesso, Facebook modifica le reazioni a seconda delle necessità molto spesso. Probabilmente, il social network vuole utilizzare le reazioni anche come una sorta di “Google Doodle“.

Commenta e partecipa alle discussioni