QR code per la pagina originale

Nike HyperAdapt 1.0 in vendita dal 28 novembre

Le Nike HyperAdapt 1.0 con stringhe auto-allaccianti saranno disponibili in alcuni negozi degli Stati Uniti a partire dal 28 novembre.

,

Nike ha finalmente annunciato l’arrivo sul mercato delle prime scarpe con stringhe auto-allaccianti. Le HyperAdapt 1.0, presentate nel mese di marzo, potranno essere acquistare in alcuni store degli Stati Uniti a partire dal 28 novembre. In realtà, le sneaker non funzionano esattamente come quelle di Marty McFly, dato che il meccanismo “power laces” deve essere attivato manualmente. Ma in futuro potrebbe essere realizzata una nuova versione completamente automatica.

Uno dei designer che ha contribuito alla progettazione delle Nike HyperAdapt 1.0 è Tinker Hatfield, la stessa persona alla quale Robert Zemeckis ha chiesto nel 1988 di immaginare le scarpe del 21esimo secolo che Michael J. Fox indossa nella famosa scena del film Ritorno al futuro 2. In quel caso, le Nike Mag attivavano il sistema di allacciatura quando Marty inseriva i piedi, mentre per le Nike HyperAdapt 1.0 è necessario premere i pulsanti ai lati delle scarpe, come può vedere nel video.

La progettazione delle sneaker ha richiesto diversi anni di lavoro, molti dei quali spesi alla ricerca dei componenti adatti che potevano essere inseriti in uno spazio così ridotto. Le HyperAdapt 1.0 sfruttano quella che Nike chiama Adaptive Fit Technology. Nelle scarpe sono integrati quattro componenti: un sensore di pressione che rileva la presenza del piede, i cavi del sistema di allacciatura, un piccolo motore che stringe e allenta i cavi, e una batteria ricaricabile che alimenta il motore e i LED inseriti nella suola e nella parte posteriore.

Le sneaker saranno disponibili in tre colori (nero, bianco e grigio) ad un prezzo non specificato. Nike ha già avviato lo sviluppo delle versione 2.0 che allenterà e stringerà i lacci in maniera automatica e in tempo reale, in base alle sollecitazioni ricevute dai piedi durante la camminata e la corsa.

Fonte: Engadget • Via: Wired • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni