QR code per la pagina originale

Facebook Messenger, arrivano i sondaggi

Facebook Messenger introduce due interessanti novità: per tutti arrivano i sondaggi e per gli americani anche l'assistente ai pagamenti.

,

Facebook Messenger ha introdotto, all’interno del suo ultimo update, un paio di novità davvero molto interessanti. La prima novità riguarda la possibilità di creare dei veri e propri sondaggi. In altri termini, all’interno di una chat di gruppo gli utenti potranno porre una domanda e tutti i partecipanti potranno attribuire una risposta. Trattasi di una novità non inedita visto che altri social network già la implementano. Si pensi a Twitter, per esempio.

Tuttavia, secondo Facebook la funzione dei sondaggi servirà in particolar modo ai gruppi di lavoro che potranno, così, prendere più agevolmente le loro decisioni. Tuttavia, questa nuova opzione potrà essere utilizzata banalmente anche da tutti gli altri utenti magari solamente per decidere a maggioranza dove recarsi con gli amici a cena. La seconda novità di Messenger è, probabilmente, la più interessante e riguarda i pagamenti. Il social network ha, infatti, introdotto una sorta di assistente per i pagamenti. In altri termini, l’app apprenderà automaticamente quello che gli utenti scrivono suggerendo i messaggi da inviare. Per esempio, quando un utente digiterà un messaggio del tipo “ti manderò 15 dollari”, all’interno della chat di Messenger comparirà un pulsante che permetterà immediatamente di inviare il denaro all’amico di chat. Questa funzione dedicata alle transazione economiche è, però, disponibile solamente per gli utenti americani.

Facebook Messenger, arrivano i sondaggi

Facebook Messenger, arrivano i sondaggi (immagine: TechCrunch).

La possibilità di inviare denaro è, infatti, una possibilità riservata solamente agli utenti USA. In ogni caso, questa nuova opzione punta, probabilmente, ad incentivare le transazioni all’interno della piattaforma.

Il rollout delle nuove funzioni è attualmente in corso ma non tutti potrebbero averle ricevute. L’attesa, comunque, non dovrebbe essere molto lunga.

Fonte: TechCrunch • Notizie su: , ,
Commenta e partecipa alle discussioni