QR code per la pagina originale

David Foster, ex Amazon, per l’hardware di Google

Uno degli uomini chiave nella progettazione dei dispositivi Kindle passa al gruppo di Mountain View, dove si occuperà della divisione hardware di bigG.

,

Dopo aver lavorato cinque anni per il Lab126 di Amazon, occupandosi della progettazione di prodotti come gli altoparlanti smart Echo, gli eBook reader Kindle Paperwhite e Voyage, nonché i tablet della linea Kindle Fire, David Foster è passato a Google. Il suo nuovo ruolo sarà Vice President of Product Engineering, all’interno della divisione hardware del gruppo di Mountain View.

I dettagli al momento disponibili arrivano da un articolo pubblicato sulle pagine del sito The Information. In passato, prima di approdare alla corte di Jeff Bezos, Foster ha lavorato per Microsoft sul progetto Zune HD (un lettore multimediale mai realmente capace di conquistare il mercato), nonché cinque anni per Apple, sviluppando componenti poi integrate nei dispositivi della mela morsicata. Non è chiaro quale sia stato il suo contributo nella creazione degli smartphone Pixel che bigG presenterà questa sera. Di certo collaborerà con Google alla realizzazione di quelli di prossima generazione.

Google ha assunto una figura chiave dei progetti hardware dell’Amazon Lab126, per guidare lo sviluppo dei telefoni Pixel che vedremo domani.

La società di Mountain View ha annunciato l’apertura della propria divisione hardware nell’aprile dello scorso anno, affidandone la guida a Rick Osterloh, ex presidente Motorola. Il team è al lavoro nella progettazione di dispositivi come gli smartphone Pixel che si apprestano a debuttare sul mercato, ma non solo: anche i dongle della linea Chromecast, i router della gamma OnHub e i progetti del gruppo ATAP rientrano fra le competenze della squadra. Persino gli occhiali Google Glass per la realtà aumentata, per i quali da diverso tempo ormai non ci sono novità sostanziali. Foster porterà con sé una lunga esperienza e la metterà al servizio di bigG per la nascita dei prodotti da destinare sia al segmento consumer che alle realtà professionali.

Fonte: The Information • Via: Engadget • Immagine: Eric Broder Van Dyke • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni