QR code per la pagina originale

Vodafone, rincari e rimodulazioni dal 20 novembre

Vodafone annuncia una serie di rimodulazioni soprattutto per i suoi clienti di rete fissa che entreranno in vigore a partire dal 20 novembre 2016.

,

Vodafone ha annunciato una serie di rimodulazioni che avranno effetto a partire dal prossimo 20 novembre 2016 e che riguarderanno sia gli utenti di linea fissa che i clienti mobile. L’operatore, infatti, annuncia che nell’ambito dell’evoluzione dei servizi e delle mutate condizioni di mercato a partire dal 20 di novembre alcuni piani di rete fissa diventeranno Plus al prezzo della offerta attuale più 1,49 euro ogni 4 settimane. Vodafone, per premiare la fedeltà, permette a chi mantiene il piano Plus, di attivare 1 GB addizionale per navigare con la SIM dati associata alla linea di rete fissa.

Questo significa che chi possiede un abbonamento ADSL o Fibra Ottica, si vedrà rincarare il canone di 1,49 euro in cambio di 1GB di traffico dati in più sulla SIM dati che Vodafone include nell’offerta. Da evidenziare che questa rimodulazione colpisce anche tutti coloro che hanno attivato un piano di rete fissa con la sola opzione voce. Per loro, il rincaro sarà di 3 euro ma con la possibilità di chiamare senza limiti da casa tutti i numeri di cellulare Vodafone Italia. Inoltre, per tutti i clienti Vodafone, sia di rete fissa che mobile, nel caso non fosse stata ancora attivata la Fattura Digitale, a partire dalla fattura ricevuta dopo il 20 di novembre le spese di spedizione saranno di ben 2 euro.

Trattandosi di una rimodulazione, i clienti Vodafone possono non accettare le modifiche e recedere senza penali dal contratto. Al riguardo, infatti, l’operatore informa così la sua clientela:

Ai sensi dell’art. 70 comma 4 del Decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259 e dell’art. 17 delle Condizioni Generali di Contratto per il servizio di telefonia vocale fissa erogato tramite la rete radiomobile entro 30 giorni dalla comunicazione in fattura e’ possibile recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza penali o costi di disattivazione e migrazione. In caso di recesso verranno addebitate, a seconda dell’offerta, le eventuali rate residue del contributo di attivazione. Il diritto di recesso potrà essere esercitato gratuitamente inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), indicando come causale “cambio delle condizioni tariffarie”. In caso di recesso, per non perdere il numero, oltre a inviare la raccomandata, e’ necessario anche passare contestualmente ad altro operatore.

Commenta e partecipa alle discussioni