QR code per la pagina originale

Netflix: abbonati record per il colosso

Trimestre da record, quello da poco conclusosi per Netflix: il colosso dello streaming incrementa sensibilmente utili e ricavi, con record di abbonati.

,

Netflix supera le stime degli analisti e supera i cali del passato, con un trimestre da record. E crescono gli abbonati a livello mondiale, segno della bontà delle strategie del gruppo adottate negli ultimi mesi, in particolare sul fronte di un’offerta originale dovuta alle serie autoctone. La borsa statunitense, di conseguenza, non ha potuto fare altro che rispondere positivamente ai risultati del terzo trimestre 2016, conclusosi il 30 settembre.

È un trimestre davvero promettente, quello presentato ieri da Netflix agli investitori. Gli utili si attestano a 51,5 milioni di dollari, pari a 12 centesimi ad azione, con un incremento rilevante rispetto ai 40,75 milioni dello scorso anno. I ricavi si attestato a 2,29 miliardi, mentre crescono sensibilmente gli abbonati: nel corso del quarto, infatti, ben 3,57 milioni di persone hanno deciso di sottoscrivere un abbonamento.

La maggior parte dei nuovi clienti proviene dai mercati internazionali, dove Netflix è sbarcato a partire dallo scorso gennaio. Mentre negli USA il colosso conquista soltanto 370.000 abbonati nel trimestre, oltre i confini della madrepatria sono ben 3,2 milioni i sottoscrittori. Un fatto più che promettente, se si considera come le stime si attestassero a 2 milioni globali. In totale, sono 83,3 i milioni di clienti fedeli alla piattaforma.

Oltre all’effetto novità, dato lo sbarco in moltissimi nuovi paesi, Netflix ha conquistato il pubblico grazie alla sua offerta originale, con serie e produzioni autoctone lontane dai canoni della TV generalista. Sono più di 600 le ore di programmi originali prodotte nell’anno in corso, il tutto con un’attenzione anche ai formati full HD, 4K e HDR. E ora si guarda necessariamente al futuro: la prima scommessa sarà quella della conquista della Cina, un paese dove il colosso non è ancora sbarcato a causa delle rigide questioni sull’ottenimento delle licenze da parte del governo centrale. Poi, il crescere senza sosta della concorrenza, tra cui Amazon Video, HULU e le singole piattaforme delle emittenti: basti pensare, infatti, ai successi online di HBO.

Galleria di immagini: Netflix, le foto

Commenta e partecipa alle discussioni