QR code per la pagina originale

Evento MacBook: l’invito ufficiale di Apple

Apple inoltra alla stampa il suo invito ufficiale per l'evento del 27 ottobre: il claim lascia intendere possibili novità sul fronte dell'universo Mac.

,

Apple conferma il suo evento ufficiale del 27 ottobre, anticipato nella giornata di ieri dalla testata Re/Code. La società di Cupertino, infatti, ha inoltrato alla stampa gli inviti ufficiali per l’evento e, sebbene nulla venga dichiarato anzitempo, è probabile che l’incontro con i media sia dedicato alle novità del mondo Mac.

L’invito, come consuetudine, non è foriero di troppe indiscrezioni. Il logo della mela morsicata capeggia su uno sfondo nero e, al suo interno, vede dei colori sfumati. Ad accompagnare la grafica, il claim “Hello again”, una frase che potrebbe risultare più che predittiva. “Hello”, infatti, è la parola che venne utilizzata nel 1984 per presentare il primissimo Macintosh, da un entusiasta Steve Jobs.

Nel corso degli ultimi mesi, sono emersi diversi rumor sul conto di MacBook Pro, un laptop che non vede aggiornamenti estetici dal 2012 e, non ultimo, dai ridotti upgrade hardware negli ultimi anni. Si parla della possibilità di una scocca più sottile, con rinnovate porte USB-C nonché compatibili con lo standard USB-3, ma anche della possibile inclusione di un lettore Touch ID per le impronte digitali. La vera novità, tuttavia, potrebbe essere rappresentata da una barra touchscreen OLED, sostitutiva dei tasti funzione sulla tastiera e completamente personalizzabile dall’utente. Due i modelli attesi per questa linea, uno da 13 e uno da 15 pollici.

Non è però tutto, poiché potrebbero esservi novità anche su altri fronti. Le indiscrezioni, da questo punto di vista, appaiono ben più lacunose, ma si vocifera della possibile introduzione di un nuovo MacBook Air da 13 pollici, forse anch’esso privo di ventole, così come già accaduto per i MacBook super-sottili lanciati nel 2015. In lizza anche un possibile upgrade per Mac Mini, altro device che non vede sostanziali redesign da diversi anni, mentre per la linea iMac potrebbe esservi un aggiornamento di prestazioni, per un design tuttavia invariato rispetto alle generazioni attualmente già in commercio.

Commenta e partecipa alle discussioni