QR code per la pagina originale

Facebook lavora ad un’app in stile Prisma

Facebook sta lavorando a dei filtri in stile Prisma che in futuro serviranno per personalizzare in tempo reale i filmati trasmessi in diretta.

,

Facebook starebbe progettando un’applicazione in stile “Prisma“. Come ben noto a tutti i possessori di uno smartphone, Prisma è una sofisticata applicazione per l’editing fotografico che permette di aggiungere particolari effetti a foto e video utilizzando un sistema basato sull’intelligenza artificiale, in grado di agire in maniera selettiva sui singolo elementi, oggetti e soggetti che compongono la foto o il video.

Nel corso di un’intervista durante l’evento WSJDLive organizzato dal Wall Street Journal, Chris Cox, Chief Product Officer di Facebook, ha mostrato un’applicazione che il social network sta sviluppando e che permette di applicare speciali filtri ai video live. Proprio come su Prisma, anche l’applicazione di Facebook applica ai video filtri ispirati agli stili dei migliori artisti come Monet o Van Gogh. La vera differenza rispetto all’applicazione Prisma è nella velocità di esecuzione. Chi utilizza l’app di editing sa, infatti, che per applicare gli effetti è necessario attendere alcuni secondi. L’applicazione che Facebook sta sviluppando, invece, agisce praticamente in tempo reale.

Chris Cox ha sottolineato che i filtri sono, al momento, ancora dei semplici prototipi e soprattutto non ha specificato se saranno disponibili solo all’interno della piattaforma di live streaming del social network o se saranno diffusamente utilizzabili da parte degli utenti. Ovviamente non è stata fatta menzione nemmeno su una possibile data per il loro debutto.

Facebook, dunque, sta sviluppando un nuovo strumento per rendere i live ancora più personali. La notizia non sorprende più di tanto visto il grande impegno che il social network sta mettendo nello sviluppare questa piattaforma. Già in passato, inoltre, erano state fatte menzioni generiche alla possibilità che arrivassero dei filtri per i live video.

Sicuramente, se ne saprà di più nei prossimi mesi.

Commenta e partecipa alle discussioni