QR code per la pagina originale

Google vs. Oracle: non è ancora finita

Oracle non ci sta e annuncia il ricorso in appello: ribaltare la sentenza di maggio non sarà facile, ma l'esito della vicenda è tutt'altro che scontato.

,

Nel mese di maggio un giudice del Northern District of California di San Francisco ha stabilito che l’utilizzo di 37 API Java all’interno del sistema operativo Android può essere ricondotto al fair use, ufficializzando di fatto la vittoria di Google nella lunga battaglia legale che ha visto il gruppo di Mountain View contrapposto a Oracle. Quest’ultima ha deciso di tornare nelle aule di tribunale, portando il caso sul banco della US Court of Appeals.

Una mossa che non stupisce: dopotutto l’azienda di Redwood City aveva già dichiarato l’intenzione di provare a far valere i propri diritti fino all’ultimo grado di giudizio. Tutti i dettagli nella documentazione depositata ieri. La strategia di Oracle potrebbe ora focalizzarsi su una possibile interpretazione impropria dei criteri che definiscono il fair use nel caso in questione oppure sulla gravità delle prove già presentate in sede d’indagine.

La palla tornerà dunque nelle mani del Federal Circuit, che già in passato ha decretato le API come elementi che possono essere coperti e protetti da copyright, un verdetto che non ha mancato di suscitare polemiche e scatenare accese discussioni all’interno della community di sviluppatori. L’esito finale non è quindi da considerare del tutto scontato. Si ricorda che, nel mese di marzo, la richiesta di rimborso inoltrata alla corte ammontava ad una cifra pari a 9,3 miliardi di dollari.

Un breve riepilogo delle puntate precedenti: in seguito all’acquisizione di Sun Microsystems, Oracle ha denunciato Google nel 2010 per una presunta violazione del copyright e per lo sfruttamento non consentito di brevetti relativi a Java. Il caso è giunto nelle aule dei tribunali due anni più tardi. Il primo capitolo si è chiuso con una vittoria di bigG e così anche il secondo, incentrato proprio sullo sfruttamento delle API all’interno del codice di Android, piattaforma mobile diffusa a livello planetario e leader nel mercato smartphone.

Fonte: Ars Technica • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni