QR code per la pagina originale

Scuola e privacy, la guida del Garante

Il Garante della Privacy ha pubblicato un vademecum per la protezione dei dati personali all'interno della scuola nell'epoca di internet.

,

La privacy ai tempi di Internet nella scuola è un argomento molto dibattuto e molto importante. Il boom di smartphone a scuola utilizzati, purtroppo, non solo per mandare innocui messaggi ma per scattare foto e registrare video dei compagni da diffondere poi sul web per sbeffeggiarli è uno dei tanti fenomeni che purtroppo stanno crescendo sempre di più tra i banchi di scuola. Ma internet è utilizzato anche dalla scuola per comunicare con i genitori e diffondere notizie degli studenti. Il Garante della Privacy ha, dunque, voluto pubblicare una guida, cioè una sorta di vademecum, in cui risponde a tutti i princiapli dubbi su come poter difendere e gestire la privacy all’interno delle mura scolastiche.

La guida, “La scuola a prova di privacy“, risponde a domande del tipo: Si possono pubblicare sui social media le fotografie scattate durante le recite scolastiche? Le lezioni possono essere registrate? Come si possono prevenire fenomeni come il cyberbullismo o il sexting? Quali accortezze adottare nel pubblicare le graduatorie del personale scolastico? Ci sono cautele specifiche per la fornitura del servizio mensa o per la gestione del “curriculum dello studente”?. La guida raccoglie i casi affrontati dal Garante con maggiore frequenza, al fine di offrire elementi di riflessione e indicazioni per i tanti quesiti che vengono posti dalle famiglie e dalle istituzioni: da come trattare correttamente i dati personali degli studenti (in particolare quelli sensibili, come condizioni di salute o convinzioni religiose) a quali regole seguire per pubblicare dati sul sito della scuola o per comunicarli alle famiglie; da come usare correttamente tablet e smartphone nelle aule scolastiche a quali cautele adottare per i dati degli allievi con disturbi di apprendimento.

Il vademecum dedica inoltre particolare attenzione alla “scuola 2.0” e al corretto uso delle nuove tecnologie, al fine di prevenire atti di cyberbullismo o altri episodi che possano segnare negativamente la vita dei più giovani.

Per facilitarne la consultazione, la guida è articolata in cinque brevi capitoli (Regole generali; Vita dello studente; Mondo connesso e nuove tecnologie; Pubblicazione on line; Videosorveglianza e altri casi) che riportano regole ed esempi, e in due sezioni “di servizio” (Parole chiave; Appendice – per approfondire) utili per comprendere meglio la specifica terminologia utilizzata nella normativa sulla privacy e per avere un sintetico quadro giuridico di riferimento.

L’opuscolo verrà inviato in formato digitale a tutte le scuole pubbliche e private e potrà essere richiesto in formato cartaceo al Garante per la protezione dei dati personali all’indirizzo ufficiostampa@garanteprivacy.it oppure scaricato direttamente dal sito dell’Autorità www.garanteprivacy.it.

Fonte: Garante della Privacy • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni