QR code per la pagina originale

Daydream: i requisiti ufficiali per gli smartphone

Google ha pubblicato l'elenco completo e ufficiale dei requisiti hardware necessari affinché uno smartphone possa ricevere la certificazione per Daydream.

,

In un certo senso, il programma Daydream può essere inteso come una sorta di evoluzione dell’iniziativa Cardboard: una piattaforma dedicata alla realtà virtuale, creata da Google, aperta a sviluppatori, produttori e realtà di terze parti, finalizzata alla creazione di un ecosistema VR ricco di contenuti, applicazioni e servizi dedicati agli utenti.

Daydream View è il primo visore ad essere progettato e commercializzato appositamente per questo tipo di app. Al suo interno potranno essere posizionati smartphone come quelli della linea Pixel o ZTE Axon 7, l’unico altro modello che al momento ha ottenuto la certificazione. Questo perché soddisfa tutti i requisiti hardware richiesti da bigG per assicurare un’esperienza di fascia alta, priva di lag, rallentamenti o surriscaldamenti. Oggi, grazie all’Android Compatibility Definition Document (lo stesso che ha svelato le Android Extensions) di Nougat è possibile dare un’occhiata all’elenco completo e dettagliato dei requisiti.

Daydream: i requisiti per gli smartphone

Si parla di un processore almeno dual core, del supporto all’API Vulkan e di schermi con diagonale compresa fra 4,7 e 6 pollici con una risoluzione almeno Full HD. Di seguito la lista nella sua interezza.

  • Almeno due core;
  • supporto alla modalità Susteined Performance;
  • supporto a Vulkan Hardware Level 0 (Level 1 opzionale);
  • supporto a decoding H.264 almeno 3840×2160 pixel a 30 fps (40 Mbps);
  • supporto HEVC e VP9, decoding almeno a 1920×1080 a 30 fps 10 Mbps (decoding 3840×2160 a 30 fps 20 Mbps opzionale);
  • fortemente consigliato il supporto alla feature android.hardware.sensor.hifi_sensors per giroscopio, accelerometro e magnetometro;
  • risoluzione del display almeno Full HD (consigliata Quad HD);
  • diagonale del display tra 4,7 e 6 pollici;
  • refresh ad almeno 60 Hz in modalità VR;
  • tempo di switching Gray-to-Gray, White-to-Black e Black-to-White inferiore a 3 ms;
  • supporto del display alla modalità Low Persistance con un tempo uguale o inferiore a 5 ms;
  • supporto a Bluetooth 4.2 e Bluetooth LE Data Lenght Extension.
Galleria di immagini: Google Daydream View, le immagini

Commenta e partecipa alle discussioni