QR code per la pagina originale

Tesla, ancora più veloci con un update software

Tesla rilascerà un update software che permetterà alle Model S e Model X P100D di migliorare ulteriormente l'accelerazione con tempi record.

,

Le Tesla Model S e Model X si sono sempre contraddistinte non solo per l’alto tasso di tecnologia offerta ma anche per offrire prestazioni da vere e proprie supercar. La Tesla Model S P100D, per esempio, è in grado di accelerare da zero a 100 Km/h in meno di 3 secondi, tempi da Ferrari. Eppure, le Tesla possono ancora migliorare questo già incredibile record. Elon Musk, CEO e fondatore della società che produce queste auto elettriche, ha affermato che il prossimo mese arriverà un update software che consentirà alle Model S e Model X P100D di abbassare ulteriormente il tempo di accelerazione da fermo (0-60 miglia orarie e nel quarto di miglio) di circa un decimo di secondo.

Se davvero questo aggiornamento permetterà da dare maggiore pepe a questi modelli di auto elettriche, i possessori di auto carismatiche ed ultra costose come la Bugatti Chiron e la Bentley Bentayga potrebbero iniziare a pentirsi di aver puntato su autovetture con motore a combustione. Ovviamente, i veri esperti di auto sanno benissimo che le auto elettriche possono effettuare partenze brucianti grazie alla coppia del motore subito disponibile ma che poi tendono a “rallentare” nell’allungo, ma questo non significa che i risultati delle Tesla non siano davvero incredibili. Inoltre, questo miglioramento delle prestazioni arriverà a seguito di un aggiornamento che sarà rilasciato gratuitamente e che sarà distribuito via OTA.

Questo significa che i possessori delle suddette Tesla non dovranno muovere un dito per migliorare le prestazioni delle loro auto e questo è un dettaglio non di poco conto.

Certo, le Tesla Model S e Model X P100D costano molto, tra i 150 e i 180 mila euro, ma solamente per le prestazioni offrono molto di più di auto che costano ancora di più, senza dimenticare i contenuti tecnici come il sistema di guida autonoma e l’ampia autonomia offerta dai loro motori elettrici.

Fonte: Engadget • Immagine: Nadezda Murmakova via Shutterstock • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni