QR code per la pagina originale

Da “Google Cast” a “Chromecast built-in”

Nuovo cambio di brand per la famiglia di dispositivi e tecnologie Google dedicate all'intrattenimento domestico: si rischia così di generare confusione.

,

Ancora un cambio di nome per le tecnologie di bigG dedicate all’intrattenimento in ambito domestico. Poco dopo aver ribattezzato l’applicazione Cast in Home, ora il gruppo di Mountain View ha deciso di rinominare i sistemi fino ad oggi indicati con Google Cast in Chromecast built-in: sarà questa l’etichetta che si troverà su televisori, altoparlanti e altri dispositivi in commercio che offrono il supporto nativo alla tecnologia per il mirroring e lo streaming dei contenuti.

In questo modo si rischia di generare un po’ di confusione tra gli utenti, spiazzati dai continui cambi di direzione a livello di brand. Il succo però non muta: ci si riferisce a Chromecast come al sistema introdotto negli anni scorsi (più precisamente nel 2013) con il primo dongle HDMI da connettere alla TV, ora disponibile anche nella versione Audio destinata agli altoparlanti e all’interno di un numero in costante crescita di prodotti per l’home entertainment. Quali sono dunque le ragioni che hanno spinto l’azienda californiana ad effettuare una tale scelta? Con tutta probabilità ci si è resi conto che il marchio Chromecast esercita un maggiore appeal a livello commerciale rispetto a “Cast”, complice anche la capillare diffusione del browser Chrome in ambito desktop e mobile.

La variazione arriva a pochi giorni di distanza dal lancio sul mercato del nuovo Chromecast Ultra, con supporto alla riproduzione di contenuti in formato 4K e alla modalità HDR. Anche l’account Twitter ufficiale, come visibile qui sopra, passa dal chiamarsi Google Cast a Google Chromecast. Si segnala infine che nella giornata di ieri è stato rilasciato una aggiornamento firmware per tutti coloro iscritti al Programma Anteprima di Chromecast. L’update alla versione 1.22.77272 non introduce di fatto grandi novità, se non la correzione dei bug riscontrati nelle release precedenti e alcuni miglioramenti in termini di performance.

Commenta e partecipa alle discussioni