QR code per la pagina originale

Nintendo Switch meno potente di PS4 e Xbox One

Secondo gli sviluppatori di Little Nightmares, la nuova console ibrida di Nintendo non avrà la stessa potenza delle rivali, ma questo non sarà un problema.

,

Ancora tre settimane e sarà possibile conoscere ogni dettaglio su Nintendo Switch, in occasione della presentazione ufficiale. Fino ad oggi è stato possibile dare uno sguardo in anteprima al design della piattaforma, osservare alcuni di quelli che saranno i primi giochi sviluppati per sfruttarne le caratteristiche e conoscere la data di lancio (marzo 2017). Ora si torna a parlarne, per via delle dichiarazioni di Tarsier Studios, software house al lavoro sul titolo Little Nightmares.

Secondo lo sviluppatore Dave Mervik, Nintendo Switch sarà meno performante dei concorrenti PlayStation 4 e Xbox One, almeno dal punto di vista della potenza di calcolo. Questo, però, non rappresenterà un problema, poiché la forza bruta di CPU e GPU non andrà a costituire l’aspetto fondamentale della piattaforma. Insomma, si replicherà in un certo modo quanto già accaduto con Wii e con il successore Wii U. Per Nintendo potrebbe trattarsi di una scelta azzeccata, soprattutto in considerazione del lancio sul mercato di PS4 Pro e della futura Xbox Scorpio (con supporto a Ultra HD e HDR), ancora più potenti: competere a livello di benchmark e TeraFLOPS potrebbe rivelarsi per l’azienda di Super Mario una sfida persa in partenza. Queste le sue parole, raccolte dalla redazione del sito GamingBolt.

La potenza hardware non interessa a Nintendo ormai da molto tempo. Non aveva importanza per Wii e non ha costituito il motivo per il quale Wii U non ha avuto molto successo.

La natura ibrida sarà dunque il vero punto di forza di Switch, così come il supporto da parte degli sviluppatori di terze parti, vero e proprio tallone d’Achille del progetto Wii U. Nintendo non ha intenzione di commettere nuovamente lo stesso errore e la presenza di un titolo come Skyrim nella line-up della nuova console lo dimostra.

L’accessibilità del prodotto, i giochi nintendo e l’impegno degli sviluppatori di terze parti saranno molto più importanti. Switch percorrerà la sua strada e ha il potenziale per fare bene, sia in modo indipendente che come alternativa alle console di Sony o Microsoft.