QR code per la pagina originale

Viber per iOS e Android, video messaggi e Wikipedia

Viber per iOS e Android permette ora di inviare messaggi video istantanei e contenuti provenienti da servizi di terze parti, come Wikipedia.

,

Per cercare di competere contro i big del settore è necessario implementare funzionalità esclusive che possano convincere gli utenti ad abbandonare WhatsApp, Facebook Messenger o Skype. Viber offre un servizio di messaggistica molto completo e con l’ultima versione dell’app per iOS e Android sono state introdotte due interessanti novità, ovvero i video messaggi istantanei e le estensioni delle chat. L’aggiornamento sarà disponibile sugli store di Apple e Google nelle prossime ore.

Viber offre da tempo i video messaggi, così come i messaggi vocali e le video chiamate, ma ora l’invio è stato reso più semplice e immediato. Nella finestra della conversazione è visibile un unico pulsante per i messaggi audio e video. Per passare dall’una all’altra opzione è necessario uno swipe sul pulsante. L’utente può registrare e condividere un video messaggio della durata massima di 30 secondi, mantenendo premuto il pulsante. La procedura è simile a quella dei messaggi audio ed è possibile cancellare la clip prima dell’invio con uno swipe verso sinistra.

Molto interessante anche la funzionalità denominata estensioni delle chat, grazie alla quale Viber supporta l’integrazione dei servizi di terze parti. Attualmente è possibile inserire le GIF animate di Giphy, gli articoli di TheMovieDB e i link a Wikipedia. Il termine “estensione” è quindi riferito ai contenuti aggiuntivi che possono essere inviati durante la conversazione.

Per visualizzare l’elenco dei servizi è sufficiente toccare il simbolo @. Nel caso di Wikipedia verrà inserito un estratto dell’articolo pubblicato sulla nota enciclopedia online. Con l’ultima versione delle app è stato infine effettuato un piccolo restyling delle emoji. Viber viene utilizzato da circa 800 milioni di utenti. L’azienda è stata acquisita nel 2014 da Rakuten per 900 milioni di dollari.

Fonte: VentureBeat • Immagine: Techies Net • Notizie su: