QR code per la pagina originale

Nexus 6P: Google ammette il problema del bootloop

La causa del problema relativo al bootloop riscontrato da alcuni utenti in possesso del phablet Nexus 6P di bigG è di natura hardware: una patch non basta.

,

Il Nexus 6P è un dispositivo con il quale Google ha voluto stabilire un nuovo standard nel segmento in costante espansione dei phablet. Prodotto da Huawei per conto del gruppo di Mountain View, offre specifiche di fascia alta, performance avanzate e assicura la possibilità di ricevere prontamente gli aggiornamenti alle nuove versioni del sistema operativo Android. Di recente i suoi possessori hanno però iniziato a segnalare alcuni problemi.

C’è chi in seguito all’installazione di un update ha riscontrato comportamenti anomali per quanto riguarda la durata della batteria (fortemente ridotta), altri spegnimenti improvvisi e inspiegabili. Altri ancora si sono imbattuti in quello che è forse l’intoppo più grave: un bootloop. Si tratta di un malfunzionamento che porta il device a riavviarsi di continuo, impedendo di effettuare qualsiasi operazione e rendendo di fatto il phablet inutilizzabile. Un community manager di Google è intervenuto sulle pagine del supporto ufficiale, dichiarando che bigG è a conoscenza della problematica e che la causa è esclusivamente di natura hardware.

Sappiamo che un numero molto ristretto di utenti sta sperimentando un problema di bootloop con il dispositivo. Continueremo a indagare la situazione, ma possiamo confermare che si tratta di un problema strettamente legato all’hardware. A coloro che l’hanno riscontrato chiediamo per favore di contattare il rivenditore per le opzioni di garanzia e riparazione. Siamo dispiaciuti per questo inconveniente e apprezziamo la vostra continua pazienza.

Ai malcapitati in possesso di un Nexus 6P che dovessero riscontrare il problema, Google consiglia dunque di rivolgersi al più presto al rivenditore per concordare un evento di riparazione in garanzia o, eventualmente, una sostituzione dell’unità non funzionante. Al momento non è dato a sapere quanti siano i dispositivi afflitti dal bootloop.