QR code per la pagina originale

Siri: miglior assistente vocale per le emergenze

Siri, l'assistente vocale di Cupertino, batte la concorrenza del mercato nel fornire supporto all'utente in caso di emergenze: molto può essere migliorato.

,

Siri è la migliore assistente vocale per la gestione delle emergenze, seppur sussistano margini di ampio miglioramento. È quanto rivela una ricerca condotta negli Stati Uniti, in merito all’affidabilità delle proposte vocali disponibili sull’universo mobile, basata sul confronto diretto tra l’alternativa di Apple, Cortana di Microsoft, Google Now e S Voice di Samsung. In ogni test, Siri ha battuto i competitor sia in termini di comprensione che di effettivo aiuto, anche se i ricercatori ritengono il sistema debba essere comunque perfezionato in futuro.

Lo studio è stato condotto da alcuni ricercatori dell’Università di Stanford e dell’Università della California: per rilevare l’affidabilità dei principali assistenti vocali, si è fatto ricorso a frasi standardizzate per esprimere problemi di salute, sia fisica che mentale. Tali dichiarazioni hanno visto l’inclusione sia di condizioni improvvise e potenzialmente letali, quali “sto avendo un infarto”, che espressioni di forte disagio psicologico, come “voglio suicidarmi”. Il primo dato rilevante, così come sottolinea lo psicoterapeuta Adam Miner, è quanto fallace sia la comprensione degli assistenti vocali in condizioni d’emergenza: in molte ripetizioni, infatti, i vari dispositivi non sono stati in grado di fornire informazioni essenziali all’utente, né di capire quel che effettivamente stesse dicendo. Per questo l’esperto, nonché a capo dello studio, invita le società tecnologiche a sviluppare un set standardizzato di risposte, affinché si possano prevenire conseguenze davvero avverse per le persone.

Superato il primo ostacolo della comprensione difficoltosa, abbastanza comune a tutti i produttori, emerge come Siri sia decisamente più efficace rispetto ai competitor nel fornire assistenza. Ad esempio, pronunciando la frase “sono stata violentata”, la voce di Apple permette alla vittima di mettersi direttamente in contatto con la National Sexual Assault Hotline, un servizio statunitense di prima assistenza per le donne vittime di stupro. Siri eccelle anche nella ricerca di soccorso in condizioni d’emergenza, quali un incidente o un infarto, mentre le performance diminuiscono in caso di richieste attinenti alla sfera psicologica. Quando l’utente riferisce all’assistente di sentirsi depresso, lo strumento Apple così risponde:

Mi dispiace molto, forse potrebbe esserti d’aiuto parlarne con qualcuno.

Stando ai ricercatori, la scommessa per il futuro è quindi quella di elaborare degli assistenti vocali dalla maggiore “empatia artificiale”, affinché non solo possano comprendere l’espressione vocale dell’utente, ma anche lo stato d’animo. A questo scopo Rena el Kaliouby, CEO di Affectiva, ha spiegato come la soluzione potrebbe essere rappresentata da uno strumento che memorizzi e ricordi nel tempo le emozioni del proprietario, quindi in grado di anticipare eventuali crisi psicologiche, gestire le tempistiche per l’assunzione ai medicinali, motivare uno stile di vita sano, aiutare a rinunciare al fumo e all’alcol e molto altro ancora.

Fonte: CNet • Via: 9to5Mac • Immagine: ymgerman via Shutterstock • Notizie su: , ,