QR code per la pagina originale

Nikon e Verily contro la retinopatia diabetica

Partnership siglata fra il produttore di fotocamere e la divisione di Alphabet per migliorare la diagnosi di retinopatia diabetica ed edema maculare.

,

Non solo fotocamere, videocamere e action cam nel futuro di Nikon. Il produttore giapponese ha siglato un accordo con Verily (ex Life Sciences) per il perfezionamento della tecnologia dedicata all’analisi delle immagini dell’occhio dei pazienti potenzialmente affetti da retinopatia diabetica o edema maculare. Un progetto che si inserisce nel solco di quello annunciato nei mesi scorsi da DeepMind, che mira a identificare preventivamente le due patologie basandosi su algoritmi e machine learning.

Entrambi i problemi colpiscono la vista, anche in modo irreversibile, a causa del diabete. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di ottimizzare gli algoritmi ai quali saranno date in pasto le immagini dell’occhio, alla ricerca dei primi segnali tangibili della malattia. Uno strumento di questo tipo potrà tornare utile come supporto al personale medico, segnalando i casi da monitorare o che meritano una visita più approfondita, soprattutto nelle zone del pianeta dove il personale specializzato scarseggia. I dettagli della collaborazione, ad esempio quelli relativi a investimenti e tempistiche, non sono stati resi noti.

Nikon, in particolare la sua sussidiaria Optos, metterà a disposizione (stando al comunicato stampa) la propria competenza nell’ingegneria ottica e nella produzione di precisione, attraverso l’impiego di tecnologie avanzate e di una solida presenza commerciale nel campo degli specialisti nella cura dell’apparato visivo. La divisione è stata acquisita dal gruppo nipponico nel 2015. Ha messo a punto una tecnologia chiamata Optomap che cattura immagini della retina come nessun altro dispositivo sa fare, offrendo agli specialisti un elemento sul quale basare la propria analisi.

La retinopatia diabetica si riscontra nella grande maggioranza dei pazienti affetti da diabete mellito. Può provocare danni alla retina e ad altre strutture dell’occhio, compromettendo le capacità visive. L’edema maculare è un’altra complicanza della malattia e causa l’accumulo di fluido nell’occhio, portando in alcuni casi alla completa e permanente perdita del visus.

Fonte: Nikon • Notizie su: ,