QR code per la pagina originale

DJI mette le mani su Hasselblad

Il gruppo cinese specializzato nella produzione di droni ha acquisito la quota di maggioranza di Hasselblad, azienda storica nell'ambito della fotografia.

,

Fondata in Svezia negli anni ’40 del XIX secolo, Hasselblad è divenuta successivamente un’azienda di riferimento nel campo della fotografia, tanto da avviare nel secondo dopoguerra una collaborazione con la NASA e diventare il marchio portato da Neil Armstrong sulla Luna nel 1969. Nei giorni scorsi l’azienda ha ceduto una quota di maggioranza al gruppo cinese DJI, specializzato nella produzione e nella commercializzazione di droni.

Le due società coinvolte nell’operazione non hanno rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale, ma l’obiettivo dell’investimento sembra essere piuttosto chiaro: arrivare a dotare le unità UAV realizzate dal gruppo asiatico con fotocamere di fascia alta per l’acquisizione di immagini aeree. Non è al momento chiaro quale sarà il futuro di Hasselblad, che a metà dello scorso anno ha presentato la mirrorless X1D (nel video di seguito), un corpo macchina equipaggiato con  sensore da 50 megapixel medio formato decisamente non per tutte le tasche: 7.900 euro al momento del lancio.

Sempre nel corso del 2016, l’azienda ha svelato anche il concept modulare V1D con sensore da 75 megapixel (nella galleria qui sotto) e realizzato l’accessorio True Zoom per gli smartphone della linea Moto Z targati Motorola, in vendita al prezzo di 299 euro.

La proprietà di Hasselblad è cambiata più volte nel recente passato, anche a causa di un andamento non proprio brillante delle vendite: la scelta di concentrarsi esclusivamente su fotocamere dedicate a professionisti o comunque di fascia alta non ha pagato come atteso. Nel giugno 2011 il gruppo Ventizz ha acquisito il 100% delle azioni, senza però andare a influire sul business del marchio svedese. Resta da capire se l’intervento di DJI farà altrettanto oppure se dietro l’angolo c’è una svolta per uno dei brand più celebri, riconosciuti e rispettati nella storia della fotografia.