QR code per la pagina originale

Nintendo Switch avrà un servizio online premium

Così come PlayStation Network e Xbox Live, anche Nintendo lancerà con la nuova console Switch una piattaforma a pagamento dedicata al gioco online.

,

Abbuffata di novità oggi, per chi segue il mondo dei videogame. Nintendo Switch è stata protagonista di un evento andato in scena nella notte a Tokyo, in cui l’azienda ha ufficializzato tutti i dettagli della console ibrida: debutterà sul mercato in contemporanea mondiale (dunque anche in Italia) il 3 marzo, in vendita al prezzo di 329,98 euro. Confermati inoltre alcuni dei primi giochi in arrivo, con produzioni come Super Mario Odyssey e The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

La grande N ha poi anticipato l’arrivo di un servizio online premium. I dettagli in merito sono ancora pochi, ma sembra trattarsi di una piattaforma dedicata al gioco online in modalità multiplayer e proposta in abbonamento, quindi piuttosto simile al PlayStation Network di Sony e a Xbox Live di Microsoft. Fino all’autunno per i possessori della Nintendo Switch sarà possibile testarla gratuitamente, dopodiché per continuare ad accedervi sarà necessario mettere mano al portafogli e sborsare una cifra non meglio precisata. Sul palco della conferenza, il presidente Tatsumi Kimishima ha promesso che presto saranno diffuse tutte le informazioni del caso. Queste le sue parole.

I giocatori saranno in grado di testare i servizi online di Nintendo Switch per un periodo di prova in seguito al lancio. Dopodiché diventeranno a pagamento nel corso dell’autunno 2017. Prossimamente forniremo maggiori dettagli a proposito del servizio premium e delle sue funzionalità attraverso il nostro sito.

Al momento l’unica certezza è che gli iscritti potranno scaricare e giocare un titolo del catalogo NES o SNES al mese, senza costi aggiuntivi. Come già detto, nessuna informazione per ora sul prezzo, ma non dovrebbe essere molto diverso rispetto a quello praticato da Sony e Microsoft. Quasi certa l’integrazione con l’account Nintendo, introdotto lo scorso anno in concomitanza con l’applicazione mobile Miitomo sviluppata da DeNA.