QR code per la pagina originale

Tesla, arriva l’aggiornamento per l’autopilot 2

Tesla ha finalmente rilasciato l'aggiornamento che abilita alcune delle funzionalità di guida autonoma mancanti sull'autopilot di seconda generazione.

,

Tesla, finalmente, dopo molti rinvii e ritardi, ha iniziato ufficialmente a rilasciare l’aggiornamento per il suo sistema di guida autonoma per tutti coloro che dispongono del nuovo hardware dedicato all’autopilot delle auto. L’annuncio è stato dato direttamente da Elon Musk attraverso un messaggio sul suo account su Twitter. Grazie a questo aggiornamento, le Model S e le Model X di nova generazione potranno abilitare molte di quelle funzionalità presenti sui vecchi modelli dotati dell’autopilot di prima generazione.

Tra le novità si menzionano un affinamento del sistema di auto sterzo, la funzione che permette alle Tesla di sterzare automaticamente all’interno di strade le cui corsie sono ben delimitate, come le autostrade. Funzionalità, però, limitata sino ad una velocità di 45 miglia orarie, cioè poco più di 70 Km/h. Il cruise control adattivo, invece, può essere utilizzato, adesso, sino ad una velocità di 75 miglia orarie cioè circa 120 Km/h. Tra le altre novità si evidenzia il cambio di corsia automatico quando ci si trova su strade a più corsie su cui quella in cui si procede è molto più lenta dell’altra. Le auto elettriche di Tesla dotate del sistema di guida autonoma di seconda generazione dispongono anche del Forward Collision Warning (FCW), un sistema di sicurezza che mette in allerta i conducenti con allarmi visivi e sonori quando l’auto rischia una collisione con un ostacolo.

Funzionalità che non deve essere confusa con il sistema che permette all’auto di frenare da sola in caso di emergenza. Funzione che l’aggiornamento non ha ancora introdotto. Elon Musk evidenzia, inoltre, che alcuni modelli di auto dovranno subire un intervento da parte dei tecnici della società per regolare gli angoli di visione delle fotocamere di bordo al fine di poter utilizzare la funzione di auto sterzo.

Sebbene questo update vada a colmare molte delle lacune della nuova piattaforma rispetto a quella di prima generazione, c’è ancora molto lavoro da fare per attivare tutte le funzioni mancanti.

Si ricorda, inoltre, che questo hardware permetterà alle Tesla di poter guidare in completo automatismo in futuro.

Commenta e partecipa alle discussioni