QR code per la pagina originale

Mark Zuckerberg non diventerà presidente americano

Mark Zuckerberg, al momento, non ha alcuna intenzione di entrare in politica e di concorrere per le presidenziali del 2020.

,

Mark Zuckerberg non intende scendere in politica e non punta alle presidenziali del 2020. La conferma che intende rimanere a dirigere la sua azienda e che non punta alla poltrona della Casa Bianca arriva direttamente dal CEO di Facebook attraverso un’intervista su BuzzFeed News. Mark Zuckerberg ha anche confermato il suo lavoro non solamente all’interno del social network ma anche nella “Chan Zuckerberg Initiative“, realtà benefica creata da lui e dalla moglie.

La conferma della volontà di rimanere concentrato sul suo lavoro arriva dopo alcune speculazioni intorno alle mire politiche del CEO di Facebook. Speculazioni sorte da una documentazione portata alla luce da Bloomberg, che dimostrava come Mark Zuckerberg avrebbe potuto mantenere il controllo dell’azienda anche nel caso avesse rivestito una carica politica. Da allora c’è stata una certa abitudine di filtrare le azioni del CEO del social network attraverso questo punto di vista. Inoltre, Mark Zuckerberg ha annunciato un viaggio attraverso gli Stati Uniti entro la fine dell’anno. Viaggio in cui incontrerà molte importanti personalità, anche politiche, come è solito fare quando si reca ad un incontro importante.

Come BuzzFeed sottolinea, Zuckerberg utilizza anche un fotografo che ha lavorato con Bush alla Casa Bianca, e di recente ha assunto anche un paio di strateghi politici per aiutare la causa della Chan Zuckerberg Initiative. Tutti elementi, dunque, che facevano sospettare che il CEO di Facebook volesse fare il grande passo verso il mondo della politica. Del resto, durante le ultime presidenziali Mark Zuckerberg è intervento spesso e volentieri contro il candidato repubblicano Dondal Trump.

Possibile, dunque, che Mark Zuckerberg punti al mondo della politica, del resto già in passato ha provato a far cambiare, senza successo, la politica sull’immigrazione del paese. Naturalmente è anche probabile che Mark Zuckerberg non abbia, oggi, piani pronti per il suo debutto in politica ma potrebbe cambiare sempre idea uno di questi giorni visto che a livello di staff e di organizzazione sarebbe già pronto.