QR code per la pagina originale

Trump usa ancora lo smartphone sbagliato

Donald Trump usa senza remore il suo vecchio smartphone, un S3 che sarebbe il paradiso dei cybercriminali: una delle tante contraddizioni del presidente.

,

Donald Trump è ufficialmente alla Casa Bianca, ma non ha rinunciato al suo telefono Android di fiducia, nonostante i grandi problemi di sicurezza che gli sono stati fatti notare dallo staff e che hanno portato alla dotazione di un telefono più sicuro. Questa vicenda potrebbe apparire piccola, quasi insignificante, ma rappresenta molto bene le contraddizioni di questo presidente in perenne stato di campagna personale e autarchia.

Sarà perché non si può giudicare l’operato di un’amministrazione di fresco ingresso, e forse anche per l’enorme importanza data dallo stesso Trump ai social network nella sua comunicazione politica, ma in questi giorni l’attenzione dei media americani si è concentrata anche sull’eventuale cambio di device e di stile dall’elezione a 45° inquilino della Casa Bianca. Da che mondo è mondo “il ruolo fa la persona”, ma questo motto per Donald Trump non vale: lui continua imperterrito a utilizzare il suo (pare) Samsung Galaxy per twittare dall’account @realDonaldTrump. Il nuovo account @Potus, ereditato da Barack Obama, è invece gestito da un iPhone – presumibilmente di un collaboratore – e dal tycoon stesso notandosi la pubblicazione tramite Android. Difficile confonderli, tra l’altro, perché sono sempre terribilmente aggressivi. Aver tolto la giacca di candidato outsider e aver indossato quella di Mr. President non sembra aver cambiato alcunché.

La vulnerabilità di default

Dopo tutta quella attenzione rivolta ai server di posta elettronica privati di Hillary Clinton, si attendeva maggiore cautela, ironizzano sul New York Times. Dalle informazioni di prima mano dei reporter alla Casa Bianca – sì, ormai lo smartphone di Potus è diventato un caso – sembra che Trump usi senza parsimonia un Galaxy S3, pericolosamente vulnerabile da cracker e altri malintenzionati (comprese le spie di paesi stranieri) al di là che si attivi, come ha fatto, l’autenticazione biometrica e la crittografia: basti pensare l’S3 non ha ricevuto un aggiornamento di sicurezza a partire dalla metà del 2015. Altro che zero days.

Una vulnerabilità che sembra essere un brutto vizio di tanti possessori di smartphone negli Usa, se si considerano i dati del Pew Research. La maggior parte degli americani usa carta e penna per tenere traccia delle loro password mail e di servizi online. E Trump, che prende solo appunti cartacei, li scansiona in pdf per i suoi collaboratori, guarda soltanto la televisione e non legge libri né tantomeno ebook, non fa certo eccezione. Soltanto un utente su due adopera l’autenticazione a due fattori per l’eCommerce e l’home banking e via dicendo; il comportamento e la conoscenza media dell’uomo americano con le password e la sicurezza dei device è del tutto simile a quella del loro nuovo presidente. Anche questo è populismo?

pew password

Fonte: Webnews • Via: Android Central • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni