QR code per la pagina originale

In 21 condannati per razzismo su Facebook

Un giudice di Genova ha condannato per istigazione al razzismo 21 persone che avevano commentato una bufala sui rom: sta mutando l'orientamento.

,

C’è uno spettro che si aggira per i tribunali italiani: le condanne per istigazione sulla base dei commenti social. Non diffamazione oppure reati collegati all’odio, ma l’istigazione, che è un reato generalmente più strutturato, magari legato a una organizzazione di pensiero, ad esempio politico. Invece ventuno persone si sono ritrovate con la brutta sorpresa di una condanna per dei commenti fatti sotto una notizia bufala riportata su Facebook. Decisamente una vicenda giudiziaria figlia dei tempi.

Basta seguire le notizie sui reati di istigazione in Facebook per capire come il fenomeno si stia sviluppando moltissimo. Ed è quello capitato alle 21 persone al centro di una inchiesta della Procura di Genova, che ha portato all’identificazione e alla loro condanna per aver insultato genericamente le persone di etnia rom (coi soliti epiteti e auguri del peggior armamentario social, irripetibili) sotto la notizia di un tentato rapimento di un bimbo da parte di una donna nomade al parco dell’Acquasola: informazione rivelatasi infondata, ma sfruttata da altri per costruirci dei tipici post da click baiting.

Una investigazione molto facile – ditelo a Mentana: è falso che si è coperti dietro l’anonimato in Rete – ha condotto la polizia postale a trovare queste persone, tutte molto diverse fra loro, uomini e donne che non si conoscono, che risiedono in città diverse, e a dare la possibilità al giudice Claudio Siclari di firmare la condanna. Nella maggior parte dei casi gli imputati faranno ricorso per incompetenza territoriale. Già, il territorio: ma quando l’invettiva, violenta, passa su un social network di che territorio si parla? Quale giudice ha competenza?. Questa è solo una parte delle tante questioni interessanti dietro questa nuova sensibilità della giustizia italiana, che si è avvertita anche e soprattutto con la sentenza sul presidente della Federcalcio.

Gradualmente, pur non essendoci cambiamenti sostanziali nella legislazione, la forte pressione dell’opinione pubblica, molto scossa, e della politica specialmente sul tema dell’hate speech sembra spingere un po’ più in là la responsabilità di chi commenta. Lasciando perdere per il momento chi controlla (Facebook non è stato minimamente coinvolto in questa triste faccenda), chi commenta oggi, in Italia, rischia di più? È il parere dell’avvocato Fulvio Sarzana, il quale, chiamato oggi da Radio24 per commentare la notizia, ha preso in considerazione le ultime sentenze di istigazione all’odio razziale:

Quella sull’ex ministro Kyenge è molto importante, come quelle su alcuni neofascisti e neonazisti. Il problema, a mio avviso, è che un conto è la diffamazione, un altro stabilire che con la singola pubblicazione di un solo commento una persona si renda colpevole di propagandare idee fondate sull’odio etnico nei confronti di un popolo. A mio avviso si sta andando su una china potenzialmente pericolosa per l’espressione delle opinioni.

Mentre Facebook sta cambiando a gran ritmo persino gli algoritmi dei trendig topic per mandare nell’oblio i contenuti falsi, e da più parti si invocano soluzioni drastiche, collegando questo tema a quello – non si sa bene chi ha iniziato, ma è una sciocchezza – del voto populista, se davvero basta un commento scritto a caldo per vedersi condannati per un reato che prevede pene fino a tre anni, commutate in multe tra i tre e i seimila euro, e che può comportare licenziamenti, crisi famigliari, perdite di opportunità professionali, umiliazioni, è meglio darsi una calmata. La lotta contro il discorso d’odio è giustissimo e non può che passare anche dalla responsabilità individuale, facendo capire alle persone che dire online una cosa che non si avrebbe mai il coraggio di dire dal vivo, se non dopo troppi bicchieri al bar, non è meno grave; anzi, la platea enorme di un social, è bene ricordarlo, risulta aggravante.

Tuttavia se un commento razzista comporta seimila euro di multa o la prigione fino a tre anni si sta parlando di qualcosa che potrebbe sfuggirci di mano. Oppure decretare definitivamente anche nelle persone meno preparate e coscienti che dire certe cose sul web non si può e che renderle pubbliche significa pagarne dazio, pesantemente. Insomma, un contrasto a furia di condanne alla nota desensibilizzazione dovuta alle comunicazioni da remoto, nello spazio isolato dallo schermo. Il dibattito è aperto.

Fonte: Webnews • Via: Il Secolo XIX • Immagine: Twin Design via Shutterstock • Notizie su: ,