QR code per la pagina originale

Facebook favorisce i video più lunghi

Facebook mette mano all'algoritmo del News Feed per dare maggiore peso ai video di più lunga durata che piacciono agli utenti.

,

Facebook ha deciso di cambiare il modo in cui i video appaiono all’interno del News Feed con l’obiettivo di far emergere quelli che più potrebbero interessare agli iscritti. Trattasi di una modifica piccola ma che potrebbe favorire la visibilità dei video più lunghi, almeno in alcuni casi. Per arrivare ad effettuare queste modifiche, Facebook analizza più elementi come la durata dei video, se gli utenti attivano il sonoro e passano alla modalità a schermo intero e molto altro.

In particolare, il social network prende a riferimento la percentuale di fruizione di un video da parte degli utenti per capire se il contenuto è piaciuto oppure no. Guardare la maggior parte del contenuto del video significa, per il social network che il filmato è piaciuto ed ha convinto gli iscritti. Facebook, sa, inoltre, che completare la visione di un video lungo è un impegno maggiore piuttosto che vedere un filmato di breve durata. Il social network continuerà a studiare per comprendere i gusti dei suoi iscritti, ma ha compreso di voler dare una maggior priorità ai video più lunghi per non penalizzarli rispetto ai filmati più corti la cui percentuale di visione è maggiore. Questo affinamento dell’algoritmo del News Feed non dovrebbe avere un forte impatto anche se i filmati lunghi che sono maggiormente visti potrebbero apparire di più all’interno del News Feed.

Come effetto collaterale, alcuni video dalla durata più corta potrebbero essere leggermente penalizzati all’interno del News Feed. I video più lunghi che la gente non vuole vedere non saranno premiati all’interno del News Feed. Facebook sottolinea che la lunghezza migliore è quella che permette di raccontare una storia nel migliore dei modi. In ogni caso il social network mette a disposizione lo strumento di Page Analytics per far scoprire agli utenti il grado di successo dei loro contenuti.

Questa modifica all’algoritmo arriverà gradualmente nel corso delle prossime settimane.