QR code per la pagina originale

Chrome 56 arriva su Android e iOS: le novità

Il browser Chrome si aggiorna alla versione 56 su smartphone e tablet con sistema operativo Android e iOS, tra miglioramenti delle performance e novità.

,

Pochi giorni fa l’esordio di Chrome 56 sulle piattaforme desktop, ovvero sui computer equipaggiati con sistemi operativi Windows, macOS e Linux. Oggi la nuova versione del browser di casa Google arriva in via ufficiale anche su smartphone e tablet, con il rilascio su Play Store per Android e su App Store per iOS.

Tralasciando i consueti passi in avanti in termini di performance (su tutti il refresh più rapido delle pagine), sicurezza e chiusura delle vulnerabilità riscontrate, la nuova release per Android semplifica l’accesso a indirizzi, contatti email e numeri di telefono. Più facile anche consultare l’elenco dei file scaricati, direttamente dalla pagina “Nuova scheda”, dove si possono inoltre scaricare gli articoli suggeriti con un semplice tocco prolungato sul display. Il rollout dell’aggiornamento sarà completato entro i prossimi giorni.

Passando all’edizione iOS, invece, la novità più interessante è quella che vede l’integrazione di un lettore per codici QR all’interno del browser, da aprire sfruttando l’interazione 3D Touch con lo schermo degli iPhone compatibili. A quel punto basterà inquadrarlo con la fotocamera del dispositivo per rivelarne il contenuto. In questo modo gli utenti non saranno più costretti a scaricare un’applicazione extra per leggerli. Focalizzando l’attenzione su iPad, invece, bigG ha ridisegnato il layout per passare da una scheda aperta all’altra, sulla base dei feedback raccolti.

Nella giornata di ieri, il gruppo di Mountain View ha reso open source la versione iOS di Chrome. Un processo lungo e non privo di difficoltà, a causa dell’obbligo imposto da Apple di adottare WebKit per tutti i browser in esecuzione su iPhone e iPad. Con l’ingresso nel progetto Chromium, l’applicazione potrà così accelerare il processo di miglioramento e di correzione dei bug, grazie all’importante contributo fornito dalla community di sviluppatori di terze parti.

Fonte: Chrome Releases • Via: 9to5Google • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni