QR code per la pagina originale

Moto Mods per Moto Z, ecco i finalisti del contest

Ecco i 12 prototipi di Moto Mods, per i quali è stata avviata la raccolta fondi su Indiegogo; i migliori 10 verranno mostrati agli ingegneri di Motorola.

,

Circa tre mesi fa, Motorola aveva annunciato il contest “Transform the Smartphone Challenge”, con il quale il produttore statunitense chiedeva la collaborazione degli utenti per realizzare nuovi Moto Mods, i moduli per Moto Z, Z Force e Z Play che aggiungono funzionalità agli smartphone. Motorola ha ora comunicato i 12 finalisti, tra cui verranno scelti i migliori 10 che vinceranno un viaggio a Chicago presso la sede dell’azienda.

Al contest hanno preso parte oltre 700 persone di 55 paesi, quindi l’iniziativa ha riscosso un grande successo. I 12 finalisti hanno già ricevuto il Moto Mods Development Kit e un Moto Z. È stata inoltre avviata la campagna per la raccolta fondi su Indiegogo. Al momento solo uno di essi ha già raggiunto il traguardo prefissato (5.000 dollari). Si tratta di una cover con caricabatteria wireless ed emettitore ad infrarossi che quindi evita l’uso dei cavi e permette di usare lo smartphone come un telecomando per la TV. Ecco un video che mostra il suo funzionamento.

Il secondo prototipo più apprezzato si chiama Edge. Questo modulo viene offerto in due versioni. Edge Force include una serie di LED colorati che possono essere utilizzati per le notifiche e una batteria supplementare da 2.000 mAh. Edge Air, invece, include il sistema a LED e una batteria con ricarica wireless. Tutte le funzioni sono controllabili tramite app. Ecco il video che mostra le due versioni del Moto Mods.

Altri moduli scelti da Motorola aggiungono varie funzionalità, alcune delle quali piuttosto originali: walkie-talkie, portafoglio smart, batteria solare, sterilizzatore, strumento di misura, telecomando per smart home, porta auricolari, sintetizzatore digitale, registratore digitale e modulatore.

I 10 migliori progetti verranno mostrati agli ingegneri Motorola, insieme ai moduli sviluppati durante la hackaton, e potranno ricevere un milione di dollari da Lenovo Capital. Alcuni di essi potranno quindi arrivare sul mercato nei prossimi mesi.

Commenta e partecipa alle discussioni