QR code per la pagina originale

Apple Pay arriva in Italia, le conferme da Apple

Apple Pay arriva in Italia: la società di Cupertino ha aggiornato la pagina del servizio sul sito ufficiale, rivelando la lista delle banche partecipanti.

,

L’attesa sta finalmente per finire: Apple Pay sarà presto disponibile anche in Italia. La conferma giunge direttamente da Cupertino che, nella giornata odierna, ha aggiornato il sito ufficiale rendendo note le modalità di funzionamento del servizio e le banche tricolore partecipanti. Una data ufficiale di lancio non è ancora prevista, ma si tratterebbe di una questione di pochissimi giorni.

L’imminente arrivo di Apple Pay in Italia era stato già anticipato qualche settimane fa, quando il gruppo californiano ha pubblicato, sul suo sito ufficiale, alcune documentazioni tecniche relative al servizio, tradotte appunto in italiano e in tedesco. E oggi arriva la conferma ufficiale, con la localizzazione tricolore della pagina ufficiale di Apple Pay, l’annuncio delle banche partecipanti e la dicitura “in arrivo”.

Apple Pay permette di effettuare acquisti veloci in negozio, associando una carta di credito o di debito fra quelle dei circuiti compatibili, quindi avvicinando lo smartphone al proprio lettore, grazie alle tecnologie NFC. In alternativa, la piattaforma di pagamento può essere impiegata per lo shopping online, per quei siti che ne prevedono la compatibilità, tramite la conferma della propria identità con la scansione delle impronte digitali di Touch ID.

Così come si apprende dal sito ufficiale di Cupertino, Apple Pay sarà inizialmente compatibile con carte di credito Visa e MasterCard, nonché con i circuiti bancari di UniCredit, CarreFour Banca e Boon. Al momento, non è dato sapere se altri istituti si uniranno in itinere, anche se l’estensione del servizio appare naturalmente molto probabile.

Lanciato poco più di due anni fa negli Stati Uniti, il servizio di pagamento targato mela morsicata è oggi disponibile in Australia, Canada, Cina, Francia, Giappone, Hong Kong, Nuova Zelanda, Regno Unito, Russia, Singapore, Spagna e Svizzera. In questa tornata, oltre all’Italia, è previsto anche il supporto in Belgio e in Germania, mentre nei prossimi mesi verrà estesa la compatibilità anche con altre nazioni del Vecchio Continente.

Fonte: Apple • Immagine: Apple • Notizie su: , , ,
Commenta e partecipa alle discussioni