QR code per la pagina originale

Esclusive su Apple Music: incentivi agli artisti

Chance the Rapper svela gli accordi che Apple stringerebbe con gli artisti per la distribuzione in esclusiva: 500000 dollari per due settimane di stream.

,

Si torna a parlare del fenomeno degli album in esclusiva sulle piattaforme di streaming, in particolare su Apple Music. A seguito delle polemiche generate, lo scorso anno, dall’apparizione di un disco inedito di Frank Ocean sulla piattaforma di Cupertino, alcune major hanno deciso di non concedere più distribuzioni in esclusiva con gli attori del mercato digitali. Una questione su cui è voluto intervenire Chance The Rapper negli ultimi giorni, svelando gli accordi che l’hanno portato, sempre nel 2016, a distribuire il suo “Coloring Book” per due settimane proprio su Apple Music: merito di importanti incentivi.

Il mixtape, lanciato lo scorso anno e decisamente apprezzato dagli utenti a stelle e strisce, è stato reso in esclusiva su Apple Music prima che su altre piattaforme. Secondo quanto reso noto dallo stesso rapper, il quale ha voluto spiegare la questione avvalendosi di Twitter, il gruppo di Cupertino avrebbe ottenuto l’accordo grazie a un’ingente somma.

Si tratterebbe di 500.000 dollari, versati allo scopo di offrire il disco al pubblico unicamente su Apple Music per 14 giorni, aprendo invece lo streaming su altre piattaforme solo al termine di questo periodo. Così ha spiegato Chance the Rapper, in due diversi tweet:

Voglio mettere le cose in chiaro. Apple mi ha dato mezzo milione di dollari e uno spot per fornire Coloring Book in esclusiva su Apple Music per due settimane. […] Non ho mai sentito il bisogno di correggere le persone sulla mia relazione con Apple, ma ora che più persone hanno tentato di screditare il mio essere indipendente…

L’artista ha deciso di rendere pubbliche queste informazioni per “rimanere trasparente”, poiché di recente in molti avrebbero messo in dubbio la natura indipendente del suo lavoro. Chance the Rapper, infatti, non dispone di alcun contratto con nessuna etichetta discografica, preferendo invece la via dell’autoproduzione e della scelta, di volta in volta, di contratti differenziati per la distribuzione. Non è dato naturalmente sapere se quello di “Coloring Book” sia un singolo caso o, al contrario, se Apple sia solita offrire somme analoghe anche agli altri artisti con cui ha collaborato in esclusiva. Fra questi figurano Drake, Taylor Swift, The Weeknd, Katy Perry, Pharrell Williams e molti altri ancora.

Commenta e partecipa alle discussioni