QR code per la pagina originale

Mass Effect, in viaggio nella galassia Andromeda

È il giorno di Mass Effect: Andromeda, con il tanto atteso videogame di EA-BioWare che fa il suo debutto ufficiale su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

,

Dopo cinque lunghi anni dalla conclusione della trilogia originale, l’attesa è finalmente terminata. Mass Effect: Andromeda è ufficialmente disponibile a partire da oggi anche in Europa. Il nuovo capitolo della serie firmata EA-BioWare debutta su PC, PlayStation 4 e Xbox One, portando con sé protagonisti inediti e un’immensa nuova galassia tutta da esplorare.

Dando uno sguardo alle prime recensioni pubblicate della stampa specializzata (fonte Metacritic) non sembra si possa gridare al miracolo. La media dei voti assegnati dalle testate di settore è pari a 74/100. Tra i punti di forza della produzione si segnalano un sistema di combattimento ulteriormente evoluto rispetto a quanto visto con ME3 e la vastità del mondo di gioco da scandagliare in lungo e in largo. I difetti sembrano invece riguardare soprattutto il comparto tecnico, con animazioni facciali che in più di un’occasione fanno storcere il naso e una trama purtroppo non sempre in grado di riuscire ad appassionare.

Si tratta in ogni caso di uno dei giochi più attesi dell’intera stagione videoludica, che non mancherà di tener incollati al joypad milioni di appassionati. Si ricorda che, dopo aver archiviato le avventure del comandante Shepard, con Andromeda si vestono i panni di Scott o Sara Ryder (dipende se si sceglie un protagonista maschile oppure femminile), un soldato che si risveglia in una galassia lontana dalla propria in seguito a un viaggio durato 634 anni.

Lo stile rimane quello action-RPG che ha decretato il successo della saga, ma sono stati aggiunti elementi che strizzano l’occhio agli appassionati del genere open world, favorendo così le fasi di esplorazione. Grande enfasi è stata riposta ancora una volta, com’era lecito aspettarsi, sui dialoghi e sulle relazioni intessute tra i personaggi. Cronologicamente il titolo prende il via nell’anno 2.185, dunque a cavallo tra la seconda e la terza uscita della trilogia originale.

Notizie su: