QR code per la pagina originale

Google pensa all’editing fotografico condiviso

A Mountain View è in fase di sviluppo un'app dedicata alla modifica condivisa di foto e immagini: l'annuncio, forse, dall'evento I/O 2017 di maggio.

,

Google Foto e Snapseed rappresentano al momento le due più importanti applicazioni mobile di bigG dedicate alla fotografia, anche se non vanno dimenticati gli strumenti integrati all’interno di G+ e pensati proprio per la gestione delle immagini. Stando ad alcuni rumor trapelati nel fine settimana, il gruppo di Mountain View sarebbe quasi pronto ad annunciarne un’altra.

A riportare l’indiscrezione è il sito TechCrunch, che avrebbe ricevuto una conferma del progetto direttamente da Google. Pare che il team californiano sia al lavoro su un’app per l’editing condiviso delle foto all’interno di piccoli gruppi. In altre parole, uno strumento che permetterà di apportare modifiche non in solitaria, bensì in collaborazione con altre persone, al fine di rendere il processo creativo di post-produzione aperto ad esempio a tutti coloro che hanno partecipato a un evento. Per ora non ci sono informazioni sul nome del software, né su una sua possibile data di lancio, mentre la presentazione potrebbe avvenire nel mese di maggio durante l’evento I/O 2017 dedicato alla community di sviluppatori, un po’ come avvenuto lo scorso anno con Allo e Duo.

Quasi certamente il progetto sarà rivolto sia ai dispositivi Android sia a quelli iOS. Le informazioni trapelato parlano dell’integrazione degli algoritmi di machine vision già impiegati da bigG in servizi e piattaforme come YouTube e il motore di ricerca, per identificare in modo del tutto automatico oggetti e soggetti all’interno degli scatti, suggerendo così quali sono le migliori ottimizzazioni da apportare.

Che Google stia puntando forte sull’ambito fotografico è noto ormai da tempo: il lavoro svolto di recente su Foto, ormai divenuta una piattaforma per il cloud storage delle immagini con spazio di backup illimitato, ne è la dimostrazione più lampante. Occhi puntati verso il palco dell’I/O 2017, dunque, per saperne di più su questa nuova iniziativa.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Nuttapol Sn / Shutterstock.com • Notizie su: