QR code per la pagina originale

AMD investe nella realtà virtuale wireless

AMD ha acquisito Nitero, una startup di Austin che realizza un chip per la trasmissione wireless dei dati ai visori per la realtà virtuale e aumentata.

,

AMD è nota soprattutto per i suoi processori e per le schede video Radeon, ma l’obiettivo è offrire anche prodotti per la realtà virtuale. Ecco perché il chipmaker di Sunnyvale ha deciso di acquisire le proprietà intellettuali e le tecnologie sviluppate da Nitero, una startup di Austin (Texas) che realizza chip per visori VR e AR senza fili. I termini economici dell’accordo non sono stati divulgati.

Oculus Rift, HTC Vive e Sony PlayStation VR richiedono un cavo per la trasmissione dei dati e l’alimentazione. Ciò però vincola i movimenti dell’utente che non può spostarsi liberamente nella stanza. Mark Papermaster, CTO e Vice Presidente senior di AMD, ha dichiarato che i cavi rappresentano una significativa barriera all’ampia adozione della realtà virtuale. L’acquisizione di Nitero permetterà di risolvere il problema e di sviluppare tecnologie che offriranno un’esperienza più “immersiva”. Ovviamente le prestazioni saranno superiori a quelle disponibili con i visori mobile, come il Samsung Gear VR, dato che i calcoli verranno sempre effettuati dalla schede video installate nei PC.

La startup di Austin ha sviluppato un chip che trasmette i dati in modalità wireless ad una frequenza di 60 GHz, sufficiente per coprire l’intera stanza, garantendo elevate prestazioni e latenza ridotta. Inoltre, grazie alla tecnica del beamforming, trasmettitore e ricevitore non devono essere “visibili” tra loro, come avviene nei tradizionali sistemi ad onde millimetriche.

AMD non ha specificato se realizzerà direttamente i visori VR e AR oppure se concederà la tecnologia di Nitero in licenza a produttori di terze parti. Nei prossimi mesi dovrebbero arrivare ulteriori informazioni in merito.

Fonte: AMD • Notizie su: , ,