QR code per la pagina originale

Microsoft porta la Digital Class in tutta Italia

EDU Day 2017, 8 milioni di studenti e 720mila docenti in Italia avranno accesso alla Digital Class di Microsoft: arriva Skype in the Classroom.

,

Si è svolto oggi a L’Aquila “EDU Day 2017“, il più grande evento Microsoft dedicato al mondo della Scuola, dell’Università e della Ricerca. Oltre 900 fra studenti, docenti e dirigenti scolastici hanno trasformato la città in un centro per sperimentare l’innovazione: incontri, formazione, hackaton e laboratori di coding. L’obiettivo della casa di Redmond è di voler aiutare oltre 8 milioni di studenti italiani e 750 mila docenti ad accedere a contenuti innovativi e a sviluppare competenze digitali e tecnologiche contribuendo così a a formare i professionisti del domani e ad alimentare l’innovazione nel nostro Paese.

Skype in the Classroom

Trattasi del progetto di condivisione partecipativa della conoscenza promosso dall’azienda in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che si inserisce nel più ampio progetto di una Digital Class virtuale, sulla scia del successo del format di Digital Class fisica inaugurata lo scorso febbraio all’interno della Microsoft House, nuova sede milanese della multinazionale. Grazie a questa iniziativa gli studenti italiani, a partire proprio da quelli del centro Italia colpito dal terremoto, potranno sperimentare nuove esperienze didattiche erogate da grandi esperti di ogni campo del sapere, in partnership con Microsoft.

Le lezioni verranno tenute da esperti di tutto il mondo utilizzando una piattaforma innovativa e interattiva di insegnamento che utilizza le potenzialità di Skype al servizio del mondo della scuola grazie al programma educativo gratuito Skype in the classroom. Skype in the Classroom si concretizza in una piattaforma digitale che, facendo leva sullo strumento della videochiamata, è in grado di mettere in contatto esperti di tutto mondo con studenti e professori italiani. In questo modo sarà possibile sperimentare nuove esperienze didattiche e seguire lezioni tenute da grandi esperti di ogni campo del sapere. Con una semplice connessione internet ed un account Skype, le classi potranno collegarsi in videoconferenza con un esperto per imparare, interagire e condividere contenuti e attività didattiche quali visite guidate virtuali di realtà lontane ma anche vere e proprie lezioni su specifici argomenti e tematiche collegate al mondo della tecnologia, vivendo un’esperienza di edutainment all’avanguardia.

Obiettivo per Microsoft Italia è quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di partner locali quali Istituti di ricerca, Università, Musei, Parchi naturali, scientifici e tecnologici, per costruire insieme alle scuole e le università del territorio il panorama didattico del futuro.

Le classi che aderiscono all’iniziativa avranno il supporto e la disponibilità online della Microsoft Educator Community, composta da oltre 500 mila educatori provenienti da 227 Paesi in tutto il mondo e che aiuterà gli insegnanti italiani ad organizzare piani formativi, lezioni ed utilizzo delle risorse e strumenti tecnologici per ispirare e formare le nostre future generazioni di cittadini globali, il tutto attraverso una modalità di apprendimento evoluto che Skype riesce ad abilitare.

Acer a supporto della scuola

Acer ha partecipato all’EDU Day organizzato da Microsoft con oltre 40 dispositivi per il mondo Education. Tra questi, l’ultimo presentato al Bett di Londra, Acer TravelMate Spin B1 (B118) Windows 10 S ready, il notebook ideale per docenti e studenti. Il convertibile da 11,6 pollici ha le dimensioni perfette per una facile portabilità, è utilizzabile in quattro diverse modalità ed ha un design robusto caratterizzato da un display resistente alla pressione, da uno chassis antiurto e da una tastiera resistente alle infiltrazioni di liquidi. Inoltre, grazie alla batteria di lunga durata, consente di affrontare un intero giorno di scuola.

Dispositivo, dunque, che può aiutare studenti e docenti durante l’apprendimento e l’insegnamento.

Paolo Gentiloni

All’appuntamento “EDU Day 2017” targato Microsoft non poteva mancare anche la rappresentanza delle istituzioni italiane. All’evento, infatti, è arrivata una lettera del Premier italiano Paolo Gentiloni che ha sottolineato l’importanza della scuola come motore per la crescita delle nuove generazioni.

Carissimi docenti, studenti, ricercatori e colleghi delle Istituzioni,

sono lieto di potervi raggiungere attraverso questo breve messaggio in una giornata così importante che vi vede protagonisti per costruire il futuro della scuola, della ricerca e più in generale dell’Italia.

Sono orgoglioso di vedere come la città de L’Aquila, supportata dall’Università e dall’Ufficio Scolastico Regionale, è oggi teatro di un momento di rinascita e di uno slancio verso il futuro del nostro Paese, che parte proprio dal mondo della scuola e dei nostri ragazzi.

Il digitale rappresenta una grande opportunità per la crescita e lo sviluppo economico e sociale. Responsabilità di tutti gli attori, privati e pubblici, è dare accesso a queste opportunità al mondo dell’istruzione. Il ricco programma di attività di oggi rispecchia i temi più rilevanti che il Governo e il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca hanno posto al centro dell’agenda del Paese.

Cari ragazzi e ragazze, mi rivolgo a voi in particolare: la giornata odierna è una palestra nella quale sperimentare e toccare con mano temi ed esperienze che segneranno il vostro futuro, tra cui il pensiero computazionale, l’imprenditorialità digitale, l’accessibilità, l’inclusione, l’accesso alle materie scientifiche.

Ringrazio tutti i presenti a cui auguro buon lavoro e un ringraziamento alle Istituzioni locali e a Microsoft e ai suoi partner che hanno contribuito alla realizzazione di questo evento Education così importante nei territori così cari a tutti noi, testimoni dell’unione delle eccellenze del mondo della scuola, degli Istituti di Ricerca e delle Università. Tutti insieme al servizio del futuro del Paese.

Immagine: Microsoft • Notizie su: