QR code per la pagina originale

Windows 10, WhatsApp arriva nel Windows Store

WhatsApp si appresta a debuttare nel Windows Store di Windows 10; l'app sarà utilizzabile anche con Windows 10 S.

,

WhatsApp si appresta a debuttare all’interno del Windows Store di Windows 10. Al recente appuntamento di Build 2017, Microsoft aveva sottolineato l’arrivo di molte applicazioni di qualità all’interno del market delle applicazioni del suo nuovo sistema operativo. Tra gli esempi fatti, quello di iTunes che presto sarà disponibile nel Windows Store. Ma adesso, un’altra perla pregiata sta per essere disponibile all’interno del market di Windows 10.

WhatsApp, infatti, è stato da poche ore inserito all’interno del Windows Store di Windows 10. Sebbene non possa essere ancora per il momento scaricato, la sua pagina è già attiva e raggiungibile, segno che al debutto ufficiale non dovrebbe mancare molto. Nello specifico, trattasi del classico programma per PC desktop di WhastApp convertito in un’applicazione Windows 10 utilizzando Desktop Bridge il tool di Microsoft realizzato per fare in modo che gli sviluppatori possano portare le loro app win32 all’interno del Windows Store. L’app che potrà essere scaricata è, quindi, identica a quella già oggi disponibile al download dal sito di WhatsApp.

Il vantaggio della sua entrata nel Windows Store sarà la possibilità di ricevere automaticamente aggiornamenti una volta che saranno disponibili senza doverlo verificare manualmente ogni volta.

Inoltre, l’entrata di WhatsApp nel market delle app di Microsoft significa anche che l’applicazione di messaggistica potrà essere scaricata ed utilizzata anche da tutti coloro che acquisteranno un computer dotato del sistema operativo Windows 10 S che, come noto, funziona esclusivamente con le applicazioni del Windows Store.

Il market delle app di Windows 10, dunque, continua a crescere e lo fa aggiungendo app di valore aggiunto che sicuramente saranno particolarmente gradite agli utenti. WhastApp funzionerà, comunque, solamente sui PC Desktop e non sugli smartphone dove, invece, è disponibile da tempo la classica applicazione mobile.