QR code per la pagina originale

Google presenta il restyling di Android TV

Una riorganizzazione dei contenuti per la schermata Home della piattaforma Android TV: queste le novità introdotte da Google su televisori e set-top box.

,

Android TV è la declinazione del sistema operativo mobile indirizzata a televisori e set-top box (come Nexus Player e NVIDIA SHIELD TV), una piattaforma progettata appositamente per favorire l’interazione con applicazioni e contenuti multimediali in salotto. che strizza l’occhio anche ai videogiochi. Oggi il gruppo di Mountain View ne annuncia un restyling che interessa la schermata principale.

La nuova interfaccia era già stata adocchiata la scorsa settimana, in occasione dell’evento I/O 2017 di San Francisco. Oggi però arriva la presentazione ufficiale, con un post condiviso da bigG sul blog dedicato alla community di sviluppatori. Le novità più interessanti riguardano un layout strutturato per favorire un accesso rapido ai contenuti più interessanti in base ai gusti personali dell’utente (dalla musica in streaming ai film del catalogo Netflix) e l’integrazione dell’Assistente Google che con la sua intelligenza artificiale permette di trovare ciò che si desidera in modo ancora più semplice che in passato, sfruttando la comodità dei comandi vocali. Di seguito uno screenshot che mostra la UI ridisegnata.

Una nuova interfaccia per la schermata Home di Android TV

Una nuova interfaccia per la schermata Home di Android TV

Sulla parte sinistra si trovano i pulsanti per l’accesso rapido alle applicazioni installate, il tasto “Watch Next” per accedere immediatamente ai contenuti ritenuti in linea con i gusti personali e la sezione “Recommended” con i suggerimenti. Nell’occasione Google ha rilasciato nuove API agli sviluppatori, che potranno così organizzare le loro app per Android TV in appositi canali.

Per mettere alla prova fin da subito la nuova schermata Home della piattaforma è possibile installare la Developer Preview di Android O su Nexus Player. In alternativa, la si riceverà con un aggiornamento automatico entro la fine dell’anno. Stessa tempistica per l’arrivo dell’Assistente Google, che sarà disponibile in un primo momento solo negli Stati Uniti, per tutti gli apparecchi Android TV basati sulle release M, N e O del sistema operativo.