QR code per la pagina originale

iTunes ospiterà film contemporaneamente alle sale?

iTunes Store potrebbe rappresentare la piattaforma prescelta per la distribuzione di film contemporanei alle sale: le case cinematografiche vogliono Apple.

,

iTunes Store sembra essere il candidato ideale per la prossima evoluzione dell’universo dello streaming, quella della disponibilità dei film in contemporanea con le sale. Sebbene al momento le case cinematografiche non siano ancora pronte al grande salto, una simile evenienza appare del tutto inevitabile in un futuro non troppo lontano. E quando l’agognato momento arriverà, pare che i distributori vogliano affidarsi a partner affidabili, con cui hanno già stretto relazioni prolifiche in passato, quali proprio Apple. È quanto rivela Business Insider, nel riportare il parere dell’analista di settore Jeff Bock.

Le discussioni in merito alla release in streaming contemporanea alle sale occupano i big dell’intrattenimento da ormai diversi anni, senza una sostanziale soluzione. A oggi, le principali case cinematografiche apparirebbero del tutto contrarie a una simile ipotesi, poiché impaurite dalle possibili perdite derivanti sul mercato della distribuzione classica, ma ammettono come la questione non potrà essere ancora evitata a lungo. Eppure, sembra che eventuali partnership non verranno inizialmente strette con gli attuali colossi dello streaming, quali Netflix e Amazon Prime Video, bensì con Apple e il suo iTunes Store.

Secondo quanto riferito da Jeff Bock, analista di Exhibitor Relations, iTunes Store potrebbe rappresentare la “scelta logica” per le case cinematografiche, nonché per i distributori. Sulla base di alcune indiscrezioni di mercato raccolte dall’esperto, sembra che gli addetti ai lavori considerino Apple come un partner altamente affidabile, grazie alle partnership che già lega il gruppo di Cupertino con i principali studios, per il noleggio e l’acquisto di prodotti homevideo. Allo stesso tempo, a differenza di altre piattaforme di streaming, Apple non prevede un abbonamento mensile all-inclusive, bensì prezzi differenziati per ogni singolo titolo: un fatto, questo, che garantirebbe maggiori guadagni al netto del revenue sharing. In ogni caso, qualora la distribuzione online contemporanea alle sale dovesse davvero avverarsi, si tratterà di un servizio premium, con costi ben più elevati rispetto allo streaming più canonico.

Qualche mese fa, ad esempio, sono state rese note sulla stampa statunitense delle discussioni preliminari tra i fornitori di servizi e gli stessi produttori di pellicole, senza giungere a sostanziali accordi. Sean Parker, il padre di Napster, ha infatti presentato Screening Room, un servizio che idealmente permetterà di guardare film dallo stesso giorno di rilascio nelle sale, per un costo di 50 dollari per un noleggio di 48 ore. Una cifra così elevata perché pensata non solo per essere suddivisa tra studios e distributori, ma anche come compensazione per le stesse sale. Alcuni big di settore, quali Fox e Warner Bros, preferirebbero invece costi di circa 30 dollari, per una visione domestica non disponibile dal primo giorno di proiezione bensì poco meno di 30 giorni dopo.

Fonte: Business Insider • Via: AppleInsider • Immagine: hxdbzxy via Shutterstock • Notizie su: ,