QR code per la pagina originale

Taylor Swift su Spotify: finisce l’esclusiva Apple

Taylor Swift torna su Spotify, dopo aver rifiutato per anni le principali piattaforme di streaming: termina quindi l'esclusiva con Cupertino e Apple Music.

,

Taylor Swift ha cambiato idea. Dopo anni di contrapposizione della popstar ai servizi di streaming, e la pace raggiunta con Apple, sembra che il catalogo dell’artista sia pronto a tornare sulle principali piattaforme d’ascolto, incluso Spotify. Un vero e proprio cambio di rotta che, indirettamente, segna la fine dell’esclusiva con il gruppo di Cupertino.

La vicenda è ormai ben nota: con il lancio del suo “1989”, avvenuto nel 2015, Taylor Swift ha rifiutato la distribuzione del disco sulle piattaforme di streaming. In particolare, in concomitanza con il lancio di Apple Music nel giugno dello stesso anno, la popstar ha affidato ai social network una lettera aperta, per esprimere delusione per supposti compensi non adeguati per i musicisti. Nel dettaglio, Swift si è a lungo lamentata dell’iniziale decisione di Cupertino, poi modificata in itinere, di non corrispondere royalties nel periodo di trial gratuita del servizio. A seguito delle richieste della popstar, Apple ha deciso di cambiare le proprie policy e l’artista, soddisfatta dal risultato ottenuto, ha avviato una prolifica partnership esclusiva proprio con Apple Music.

Secondo quanto riferito da TechCrunch, la cantante sarebbe ora pronta a tornare sui propri passi, forte dei 10 milioni di dischi venduti proprio con “1989”: fra le piattaforme su cui il catalogo sarebbe in via di riapparizione, si elencano Amazon Music, Tidal, Pandora Premium e Spotify. Per quest’ultimo servizio, in particolare, sembra che Swift non abbia posto alcun veto per la tipologia di account, quindi l’album sarà disponibile sia per gli utenti gratuiti che per gli abbonati alla sottoscrizione Premium.

Non è ben chiaro, almeno al momento, come proseguiranno i rapporti tra Apple e la popstar statunitense, in questi giorni al centro di alcuni scontri mediatici con la rivale Katy Perry. Swift, infatti, non ha rappresentato unicamente uno degli artisti con cui Cupertino ha stretto un’esclusiva, ma è diventata una sorta di volto per Apple Music, partecipando a numerosi spot a tema nonché a documentari a lei dedicati.