QR code per la pagina originale

Surface Pro 4, nuova gestione energetica

Microsoft aggiorna il Surface Pro 4 con un nuovo firmware che introduce una nuova gestione energetica.

,

Nel corso del weekend, Microsoft ha rilasciato un nuovo aggiornamento firmware per il Surface Pro 4. Solitamente, i nuovi firmware portano nuovi driver, correttivi sul funzionamento di alcuni settori chiave del computer e poco altro. Questa volta, però, ci sono funzionalità molto più concrete. Questo nuovo aggiornamento porta con se una grande novità e cioè la comparsa di uno slider orizzontale all’interno del system tray che permette agli utenti di modificare il profilo energetico sull’ibrido Windows 10.

In questo modo sarà possibile dare maggiore priorità alle prestazioni o al risparmio energetico migliorando l’autonomia del PC nel caso ci sia la necessità di utilizzare il computer lontano da una presa elettrica. Trattasi di una novità molto importante che dovrebbe mettere una pezza ai consumi non ottimali di questo prodotto. Il Surface Pro 4, infatti, è un eccellente PC, tuttavia, almeno sul fronte dei consumi energetici, non è mai stato troppo parco ed i suoi risultati, comunque discreti, dal punto di vista dell’autonomia sono sempre stati abbastanza lontani da quelli ufficialmente dichiarati.

Surface Pro 4, nuova gestione energetica

Surface Pro 4, nuova gestione energetica (immagine: Windows Central).

Il nuovo firmware porta con se, inoltre, tante altre piccole migliorie. Sebbene un change log non sia ancora stato ufficializzato, l’elenco dei driver aggiornati è davvero lungo e fa ben capire quali aree del sistema operativo siano state toccate.

Surface Management Engine
Surface Embedded Controller Firmware
Surface UEFI
Surface Pen Pairing
Surface Accessory Device
Marvell AVASTAR adattatore Radio Bluetooth
Marvell AVASTAR controller wireless AC
Intel HD Graphics 520
Intel Display Audio
Surface Integration

Vista l’importanza dell’aggiornamento, il suggerimento per i possessori di un Surface Pro 4 è quello di aggiornare il PC quanto prima attraverso Windows Update.