QR code per la pagina originale

Telegram 4.2, autodistruzione per foto e video

Telegram 4.2 per iOS e Android permette di impostare un timer, alla scadenza del quale scompariranno le foto e i video condivisi nelle chat private.

,

Dopo aver aggiunto il supporto per i supergruppi (10.000 membri) e nuove impostazioni per gli amministratori nella versione 4.1, la software house russa ha rilasciato un altro aggiornamento per l’app di messaggistica che introduce tre interessanti funzionalità, ovvero l’autodistruzione di foto e video nelle chat private, la biografia nel profilo utente e il CDN caching per il canali di grandi dimensioni. Telegram 4.2 per Android e iOS è già disponibile sugli store Google e Apple.

L’azienda guidata da Pavel Durov ha deciso di offrire ai suoi utenti una funzionalità simile a quella che ha reso famoso Snapchat. Prima di inviare una foto o un video nelle conversazioni private è possibile impostare un timer per l’autodistruzione. Alla scadenza del conto alla rovescia, il contenuto scomparirà da entrambi gli smartphone (mittente e destinatario), in modo simile a quanto avviene nelle chat segrete. Se il destinatario scatta uno screenshot, il mittente riceverà automaticamente una notifica.

A partire dalla versione 4.2, Telegram permette di inserire una breve biografia nel profilo. In questo modo è possibile avere qualche informazione in più sui nuovi utenti che entrano nei gruppi. Altre novità riguardano l’editor delle foto, ora più semplice da utilizzare, e l’opzione che consente di aprire gli sticker a pieno schermo (basta toccare il pulsante “su”).

Telegram CDN

La software house russa ha infine incrementato la sicurezza e la velocità di download dei contenuti pubblici condivisi dai canali di grandi dimensioni (oltre 100.000 membri). Ciò è stato ottenuto sfruttando il caching dei nodi CDN (Content Delivery Network) di terze parti. Tutti i dati vengono conservati temporaneamente in forma cifrata. Questi server consentono di incrementare le prestazioni soprattutto nei paesi emergenti.

Fonte: Telegram • Via: Telegram • Notizie su: