QR code per la pagina originale

Facebook, 2 miliardi di utenti e profitti positivi

Facebook ha condiviso i risultati fiscali dell'ultima trimestrale che evidenziano un costante aumento dei profitti.

,

Facebook ha condiviso i suoi risultati fiscali del secondo trimestre e i numeri sono stati molto positivi. Il social network ha passato i 2 miliardi di utenti mensili all’inizio di questa estate. L’azienda ha ottenuto 9,3 miliardi di dollari di entrate e 3,89 miliardi di dollari di reddito netto. Questo è un utile del 71% superiore rispetto a quello riportato nello stesso periodo dello scorso anno.

L’unica “critica” che si potrebbe fare sui risultati di Facebook è che il tasso di crescita sia per il reddito che per il profitto è sceso di pochi punti percentuali. Tuttavia, trattasi di un calo atteso e più volte annunciato dalla società stessa. Facebook, infatti, ha evidenziato che prevede che la crescita dei ricavi possa rallentare significativamente quest’anno perché non può spingere ancora più di tanto sugli annunci nel News Feed senza infastidire gli utenti. Sui risultati di oggi, il CEO Mark Zuckerberg ha detto che spera che l’azienda possa diventare più aggressiva per trovare nuovi modi per monetizzare i suoi prodotti di messaggistica. Ciò include le sua app Messenger e WhatsApp, visto che entrambe hanno più di 1 miliardo di utenti mensili attivi.

Facebook ha anche intenzione di spingere molto nel settore dei video, pagando per creare serie originali da inoculare all’interno della piattaforma. Secondo quanto riferito, questo servizio sarà lanciato ad agosto. La grande domanda per la seconda metà di quest’anno sarà se gli utenti di Facebook risponderanno positivamente a questa novità.

L’aumento del profitto non è stato rallentato dalla spesa sempre elevata di Facebook nel settore della ricerca e sviluppo o dal suo numero di dipendenti. La società aveva 20.658 dipendenti al 30 giugno 2017, con un incremento del 43% rispetto all’anno scorso e il suo budget per la ricerca e sviluppo è cresciuto del 25% circa rispetto allo stesso periodo del 2016.