QR code per la pagina originale

Fusione tra Google Play Musica e YouTube Red

Una sola piattaforma per lo streaming musicale: meno confusione e un'offerta più chiara, per attrarre nuovi potenziali abbonati e migliorare il servizio.

,

È giunta in occasione della conferenza New Music Seminar andata in scena a New York la conferma della fusione tra Google Play Musica e YouTube Red. A parlarne Lyor Cohen, Head of Music della piattaforma video, che ha ufficializzato l’intenzione di creare una nuova offerta dedicata allo streaming musicale, attraendo così nuovi potenziali abbonati. Non sono state fornite indicazioni in merito alle tempistiche.

Se Play Musica è già disponibile ormai da anni anche in Italia, con la possibilità di effettuare la sottoscrizione premium alla formula Unlimited, lo stesso non vale per YouTube Red, che dopo il lancio negli Stati Uniti del 2015 ha raggiunto anche i territori di Australia, Corea del Sud, Messico e Nuova Zelanda, senza però mai realmente riscontrare il successo auspicato dal gruppo di Mountain View. Al momento non è chiaro se le due applicazioni confluiranno in una sola entità oppure se continueranno a operare in modo indipendente. Queste le parole di Cohen, che ha anche sottolineato come bigG intenda siglare partnership con l’industria discografica in grado di andare ben oltre il semplice ottenimento delle licenze necessarie alla trasmissione dei brani.

La cosa più importante, ora, è unire YouTube Red a Google Play Musica, in modo da avere una sola offerta.

Oggigiorno l’ecosistema di app e servizi aggiuntivi legati a YouTube è piuttosto complicato: oltre a YouTube Red che propone un abbonamento (9,99 dollari al mese) per la rimozione delle inserzioni pubblicitarie e per il salvataggio dei video offline, offrendo al tempo stesso l’accesso senza limiti a Google Play Musica, ci sono YouTube Music (una sorta di “MTV 2.0”) e YouTube TV che invece è dedicato allo streaming dei programmi televisivi. Google ha affidato una comunicazione ufficiale alle pagine del sito The Verge.

La musica è molto importante per Google e stiamo valutando come unire le nostre proposte musicali in modo da offrire il miglior prodotto possibile agli utenti, così come ai partner dell’industria discografica e agli artisti. Nulla cambierà oggi e forniremo sufficienti notifiche prima che qualsiasi modifica venga effettuata.