QR code per la pagina originale

Google Pixel 2: la presentazione il 5 ottobre?

Un'altra previsione del solito Evan Blass: gli smartphone Pixel di seconda generazione presentati il 5 ottobre, con processore Qualcomm Snapdragon 836.

,

Saranno mesi caldi per il mercato mobile. Al Galaxy Note8 appena presentato da Samsung si aggiungerà nelle prossime settimane l’iPhone 8 di Apple e toccherà poi ai Pixel 2. Sulle tempistiche per l’arrivo dei nuovi top di gamma a marchio Google si pronuncia una voce piuttosto autorevole: Evan Blass, meglio noto in Rete con lo pseudonimo @evleaks. Stando alle sue fonti, la presentazione avverrà il 5 ottobre.

Il post su Twitter include anche un riferimento al comparto hardware: si parla del Qualcomm Snapdragon 836 come SoC scelto da bigG. Un terminale di fascia alta a tutti gli effetti, dunque, a cui spetterà il compito di stabilire un nuovo standard di riferimento nell’ambito Android, facendo leva sulle novità introdotte dal gruppo di Mountain View con la nuova release del sistema operativo, quell’Android 8.0 Oreo appena presentato in via ufficiale. L’ipotesi di Evan Blass sembra verosimile: dopotutto, gli smartphone Pixel di prima generazione sono stati svelati il 4 ottobre dello scorso anno.

La seconda generazione dei dispositivi Pixel di Google, spinti dal SoC Snapdragon 836, sarà presentata il 5 ottobre.

I rumor più recenti parlano di due modelli dalla diagonale differente: 4,97 pollici con pannello Full HD per quello più piccolo e 5,99 pollici con risoluzione maggiore per la variante XL. Il resto della scheda tecnica dovrebbe prevedere 4 GB di RAM. Molto probabile l’assenza del jack audio da 3,5 mm per gli auricolari, una scelta operata da Apple lo scorso anno e criticata dalla stessa Google (nonché dagli utenti), che potrebbe invece diventare il nuovo standard del segmento mobile. C’è da augurarsi che il gruppo di Mountain View sia questa volta in grado di rispondere alla domanda a livello globale: di fatto, i Pixel del 2016 non sono mai stati lanciati in via ufficiale sullo store italiano e quelli in circolazione nel nostro paese sono frutto d’importazione.