QR code per la pagina originale

Google Chrome: silenzio, si naviga

François Beaufort svela una funzionalità inedita introdotta da Google nella versione desktop del browser Chrome, al momento solo nella build Canary.

,

Gli sviluppatori di Google al lavoro su Chrome sono costantemente impegnati nel tentativo di introdurre ottimizzazioni del codice, correzioni per i bug riscontrati e funzionalità inedite con l’obiettivo di migliorare l’esperienza di navigazione offerta agli utenti. La caratteristica del browser di cui si parla in questo articolo rientra appieno in quest’ottica.

A svelarla è François Beaufort, da qualche tempo evangelist del progetto Chrome, con un post condiviso sul social network G+. Si tratta di una feature pensata per consentire agli utenti di silenziare una pagina che riproduce audio in modo automatico, ad esempio attraverso l’avvio di un filmato al caricamento o mediante la visualizzazione di banner pubblicitari. Al momento la caratteristica è attiva solo all’interno della versione Canary del browser, ma con i futuri aggiornamenti dovrebbe debuttare anche con la build definitiva, così da poter essere messa a disposizione di tutti.

Il team di Chrome, al momento, sta sperimentando un’impostazione per silenziare o riattivare un sito Web direttamente dall’etichetta delle informazioni della pagina. Questo vi fornirà un maggiore controllo a proposito di quale sito Web può riprodurre suono in modo automatico. Provatelo subito in Chrome Canary eseguendo il comando “–enable-features=SoundContentSetting”.

La funzionalità in fase di sperimentazione che permette agli utenti Chrome di disattivare la riproduzione automatica dell'audio durante la navigazione

La funzionalità in fase di sperimentazione che permette agli utenti Chrome di disattivare la riproduzione automatica dell’audio durante la navigazione (immagine: François Beaufort su Google+).

L’operazione è ovviamente reversibile, in qualsiasi momento: per attivarla o disattivarla sono sufficienti un paio di click, direttamente nella barra dell’indirizzo, dal menu a tendina che contiene anche la voce “Impostazioni sito”, come visibile nell’immagine qui sopra. Si tratta senza alcun dubbio di una funzionalità che Google sta introducendo nella versione desktop del proprio software sulla base dei feedback raccolti dalla community di utenti. Non è dato a sapere se debutterà nella final release per computer Windows, macOS e Linux  già con la versione 61 che dovrebbe essere ormai alle porte.

Fonte: François Beaufort su Google+ • Via: Android Community • Notizie su: