QR code per la pagina originale

YouTube e Netflix dominano lo streaming

YouTube e Netflix sono i servizi di streaming più gettonati negli Stati Uniti: è quanto emerge da una rilevazione condotta da App Annie nell'ultimo anno.

,

YouTube e Netflix dominano il settore dello streaming negli Stati Uniti, confermandosi come le due piattaforme più gettonate. È quanto rende noto App Annie in base ai dati raccolti tra il giugno del 2016 e il giugno 2017, relativi alle abitudini di fruizione da parte dei navigatori a stelle e strisce. Le classifiche sono quindi state rese pubblicamente note da Business Insider: dal posizionamento, emerge come YouTube sia il servizio più visto in assoluto, mentre il colosso Netflix vince la prima posizione fra i più remunerativi.

La piattaforma d’analisi ha sviluppato le proprie classifiche in base al MAU, ovvero l’indice degli utenti attivi mensilmente su applicazioni di streaming, quindi al tempo medio di permanenza. La ricerca, perciò, tende a escludere il traffico generato via browser, sebbene i trend dovrebbero rimanere del tutto analoghi. Secondo i dati raccolti, anche dal monitoraggio di App Store e Google Play, gli utenti passano la maggior parte del tempo su YouTube, seguito a ruota da Netflix.

In particolare, emerge com YouTube sia l’app dal maggiore tempo di permanenza rispetto a tutte quelle di streaming, forse per la varietà degli argomenti e dei generi disponibili, così come anche per la fruizione totalmente gratuita. Netflix, tuttavia, batte il competitor conquistando la prima posizione fra i servizi più remunerativi, grazie ai suoi 100 milioni di utenti paganti.

Sebbene la classifica non riporti le cifre nel dettaglio, ma unicamente il posizionamento dei vari operatori, degno di nota è il posizionamento di Amazon Video al quinto gradino in termini di utenti mensili, segno di un ottimo progresso per lo streaming del colosso dell’eCommerce, pronto a strappare sempre più terreno ai competitor storici. Così come già accennato, le liste in questione tengono però unicamente in considerazione gli Stati Uniti e la fruizione dei vari servizi via applicazione, mentre non rilevano eventuali performance tramite classico browser o strumenti di terze parti rispetto a Play Store e Google Store.